AttualitàCronaca

Pini in Corso Tardy e Benech, a Savona, a rischio abbattimento

“Faremo di tutto fino all’ultimo per salvare le piante, la nostra missione però é la messa in sicurezza, è un bene prezioso. Predisporremo con gli uffici un adeguato progetto per risolvere la situazione”, così ha esordito l’Assessore all’ambiente del Comune di Savona, Pietro Santi, nella conferenza stampa di presentazione dei risultati della “prova di trazione” sui pini in corso Tardy e Benech, rimanendo comunque fiducioso.

“L’amministrazione Comunale non ha l’intenzione di levare alberi, nel nostro programma c’è un piano botanico che stiamo portando avanti, l’impegno che ci eravamo presi di piantare essenze per ogni bambino nato nel 2017 lo manteniamo e lo faremo in contemporanea con la Festa dell’albero in autunno. Gli alberi però devono essere sani e non devono recare rischio e pericolo alle persone” agiunge il Sindaco Ilaria Caprioglio.

Ha proseguito l’Assessore Santi:”Abbiamo fatto dei sopralluoghi con i tecnici comunali ed un agronomo del WWF, e posso dire in estrema tranquillità che sono stati fatti tutti i passi necessari. Ho diverse relazioni della polizia municipale in cui ci invitano caldamente a prendere una decisione nel più breve tempo possibile: non si può lasciare in questo stato una delle arterie principali della città, che collega l’autostrada al porto e per questo è molto frequentata dai mezzi pesanti. Un tratto è già transennato a causa delle radici che hanno demolito l’asfalto. L’area dei parcheggi ed il controviale sono già in condizioni critiche, e nei prossimi mesi saremo costretti a chiuderle; e se non interveniamo in qualche modo presto potremmo essere costretti a chiudere tutto corso Tardy e Benech”.

I tecnici, nelle persone dell’ingegner Marco Delfino e l’agronomo Danilo Pollero di ATA, hanno spiegato cosa risulta alle loro verifiche: “Siamo chiamati a trovare soluzioni che consentano di sistemare il piano viario cercando di non interessare gli alberi – dice Marco Delfino -ma è evidente, e l’esperienza ce lo conferma, che non è possibile sistemare i problemi senza andare a toccare gli alberi. Le prove di trazione erano mirate a verificare se l’instabilità mostrata dall’analisi fatta su tutti i 59 alberi era confermata: i test hanno dimostrato che gli alberi non sono in condizioni di stabilità tali da poterli mantenere in maniera tranquilla. Gli alberi si reggono l’un l’altro ed, in qualche caso, c’è rischio di caduta”.

Le piante sono classificate dalla normativa in cinque classi, sulla base della “propensione al cedimento”: su tre alberi “testati”, due sono stati assegnati alla classe D, quella più critica, l’appartenenza alla quale, per una pianta, indica che la solidità di essa è ritenuta “esaurita”, e che per tale ragione dovrà, obbligatoriamente, essere abbattuta. Una di queste piante già era compresa nei tredici alberi “catalogati”, in precedenza, nella categoria immediatamente inferiore, che obbliga comunque a prevederne il prossimo abbattimento; l’altro invece era stato assegnato,come i restanti, alla classe C, qualificazione che costringe comunque ad un monitoraggio continuo.

Il test ha segnato i peggiori risultati per 2 alberi su 3, fra quelli ad esso sottoposti, inducendo pertanto a pensare che per molti altri pini emergerebbero, certamente, gli stessi problemi.

“La situazione è assolutamente diversa da quella del caso di Albenga – dice Danilo Pollero – siamo andati a inizio anno direttamente sul campo, dopo una settimana sono caduti due o tre alberi in Via Einaudi, il livello di rischio era decisamente minore rispetto a Savona, lì sono state tagliate le radici, il caso dell’albenganese dovrebbe costituire una lezione. Abbiamo rotto la continuità.”

E’ sempre triste assistere all’abbattimento di alberi, specie in città, dove costituiscono un polmone di salubrità e rendono tutto più allegro e “respirabile” e poi, anche se è doveroso non eccepire, non si sa mai se quello che dicono gli esperti sia infallibile!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: