Cronaca

Savona, i pini di Corso Tardy e Benech dovranno essere abbattuti

“Siamo qui oggi per spiegare i dati emersi dall’analisi di stabilità dei pini”, ha dichiarato il sindaco di Savona Ilaria Caprioglio durante la presentazione della situazione dei pini di Corso Tardy e Benech, “e voglio ricordare che nel nostro programma elettorale vi è anche un piano botanico. Gli alberi della città devono essere sani e quelli di Corso Tardy e Benech sono malati, ma voglio dire fin da ora che se le piante verranno tagliate prenderanno il loro posto specie più adatte”.

Dello stesso avviso l’assessore all’ambiente Pietro Santi :”Occorre chiarezza e trasparenza su questo tema e durante i sopralluoghi ho invitato i consiglieri della seconda commissione e alcuni agronomi del wwf e questo è stato un ultimo tentativo con le prove necessarie e gli esiti sono stati chiari. La nostra priorità è la sicurezza delle persone e prenderemo una decisione la prossima settimana. L’arteria coinvolta è molto importante perchè collega l’autostrada ed il porto ed il lato monte verso mare è stato transennato perchè pericoloso per la circolazione e se la situazione non cambia saremo costretti a chiudere Corso Tardy e Benech. Vi sono seri problemi sul controviale e nei parcheggi e abbiamo chiuso questi ultimi sul lato destro della tratta della rotonda e lo stesso controviale, specificamente l’intersezione tra Corso Tardy e Benech, Via Giusto e Via Calamaro. Prometto anch’io che il viale resterà alberato e se gli alberi ora presenti verranno tagliati prenderanno il loro posto piante più adatte. Le piante attualmente presenti hanno radici verticali e ciò è estremamente pericoloso per la sicurezza”.

“Occorre dare una sistemazione dell’area di parcheggio e del controviale per ridurre il rischio”, ha sottolineato l’ingegner Marco Delfino, “e siamo alla ricerca di una soluzione per sistemare la strada senza toccare gli alberi, ma è praticamente impossibile lavorare sulle aree coinvolte senza toccare gli alberi. Abbiamo fatto delle prove di trazione per capire se l’analisi può confermare la stabilità ma se ciò non avviene le strade da percorrere sono due : tagliare gli alberi o effettuare un controllo continuo. Se tagliati gli alberi saranno sostituiti da piante più idonee e mantenere gli attuali 59 alberi con la strada aperta non è una situazione ottimale”.
“Gli alberi vengono classificati in cinque classi e la classificazione viene svolta a livello mondiale”, ha evidenziato l’agronomo Ata Danilo Pollero, “e queste classi sono ben cinque : A, B, C, C-D e D. Una pianta appartenente alla classe C-D vede una riduzione drastica del fattore di sicurezza e le piante classificate in classe D devono essere abbattute nel minor tempo possibile. Durante la trazione si è avuto modo di verficare i numerosi difetti delle 59 piante come, ad esempio, la corteccia, le radici, la curvatura, le foglie, e abbiamo stabilito che delle 59 piante esaminate, ben 46 appartengono alla classe C e 13 alla classe C-D. Dopo attente analisi abbiamo verificato un peggioramento delle condizioni rispetto all’analisi visiva e ben 2 piante sono passate dalla classe C-D alla classe D con la conseguente necessità di abbattimento al più presto. Le piante campioni sono state scelte da coloro che hanno effettuato le analisi ed è emerso che il pino domestico è tipico della Maremma anche grazie alle dune sabbiose della Versilia”.

“Abbiamo esaminato attentamente i dati e dopo gli esiti delle prove abbiamo deciso che si farà di tutto per salvare le piante ma la nostra priorità è la sicurezza”, prosegue Santi, “e con gli uffici attueremo un progetto per un intervento radicale anche perchè la rete fognaria delle acque piovane è stata spaccata dalle radici di questi alberi. A coloro che ci hanno chiesto se si poteva fare come ad Albenga, località in cui alberi con problemi simili sono stati salvati, voglio dire che siamo andati ad Albenga ad esaminare la situazione, ma pochi giorni dopo in quella località è caduto uno di questi alberi ed abbiamo concordato che per noi è troppo pericoloso un evento del genere”.
“Il traffico di Via Einaudi ad Albenga è decisamente minore di quello di Corso Tardy e Benech e quindi anche il rischio è minore. Ad Albenga si è notato come le radici degli alberi sono state tagliate e gli scavi per la verifica della pericolosità degli alberi sono stati più profondi che a Savona. Le piante si tengono insieme tra loro e se alcune sono tagliate anche le altre diventano pericolose e sono convinto che quella di Albenga dev’essere una lezione per tutti”, conclude l’agronomo Pollero.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: