Attualità

“ARMISTIZIO” FRA ATA E COMUNE DI VARAZZE

Estate boccheggiante per Ata Spa, la società di igiene urbana del Comune di Savona che sta affrontando un piano triennale di risanamento da lacrime e sangue. Il problema è sintetizzato in due frasi: accelerare gli incassi e posticipare i pagamenti. Non sempre è facile, specialmente se i creditori devono, essi pure, fare i conti con le rigidità di bilancio. E’ il caso del Comune di Varazze, proprietario della discarica della Ramognina, uno degli impianti che  Ata utilizza per conferire i rifiuti urbani, pagando un canone.

Il Comune fattura, ma Ata ha qualche difficoltà a onorare il debito. A fine aprile le casse varazzine avevano accertato un credito di 62.573 euro. Che fare? I soldi fanno comodo a tutti, ma un po’ di fair play non guasta, specie nei confronti di una società pubblica. Così, formalizzando un “patto di non aggressione” (in termini giuridici e più sobri si chiama “pactum de non petendo”) il Comune ha rinunciato a far valere nell’immediato i propri diritti, accettando una dilazione nei pagamenti da parte di ATA.

Gli incassi, per il Comune di Varazze, dovrebbero pervenire entro la fine dell’anno, se le operazioni cui stanno lavorando i risanatori di Ata andranno in porto. Soprattutto quella riguardante la vendita dei 162 posti auto a pochi passi dal litorale  “bandiera blu” delle Fornaci di Savona. Parte del ricavato potrebbe essere utilizzata per onorare il debito con Varazze. E non potrebbe darsi che i varazzini, invece di monetizzare, preferiscano fare la permuta con qualche posteggio?

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: