Attualità

I “BUIO PESTO” METTONO IN SUBBUGLIO IL COMUNE DI SAVONA

“Il concerto dei Buio Pesto a Savona è stato cancellato, non si farà per colpa del Comune”: tale frase, postata su Facebook da Massimo Morini, leader della band dialettale e direttore d’orchestra, per informare i fans dell’annullamento del concerto, slittato già da capodanno 2016, fissato poi per luglio e poi ancora per settembre, ha sortito un effetto simile a quello del famoso telegramma di Ems, inviato da Bismarck alla Francia e che accese le polveri della guerra franco-prussiana.”Ce lo dovevano, avevano un debito di riconoscenza nei nostri confronti” ha continuato Morini in riferimento al concerto di Capodanno. Sulla data di settembre: “Lo sponsor di cui abbiamo le generalità è ‘sparito’. O meglio per usare un italiano scorretto, ma opportuno: ‘è stato sparito'”.

L’attacco contro il Sindaco e l’Assessore Scaramuzza è stato senza mezzi termini: “Questa è la gratitudine, la serietà e la correttezza di chi amministra Savona. Ma soprattutto la cosa triste e che sarebbe da punire, è la spavalderia. Speriamo che l’Assessore Scaramuzza comprenda che l’unica cosa che deve fare per espiare la sua indolenza, sia dimettersi, poichè ha dimostrato palesemente di non essere in grado di fare l’Assessore alle Manifestazioni di un Comune così importante come Savona. Speriamo cada la giunta comunale prima della naturale scadenza e speriamo che la prossima apprezzi il nostro lavoro, musicale e sociale. Nel frattempo vi invitiamo in esilio con noi, cari Savonesi”.

L’anno scorso i “Buio pesto” erano in duello con il Sindaco di Imperia, Capacci. Anche in quel caso la band si era scagliata contro l’amministrazione, per il mancato concerto, mentre il primo cittadino sottolineava l’assenza di fondi per l’organizzazione e l’allestimento del palco. La lite in seguito si era ricomposta, e il gruppo si era esibita.

La voce dei Buio Pesto ripercorre la cronistoria a partire dal concerto del 31 dicembre: “Il Sindaco Ilaria Caprioglio e l’Assessore Maurizio Scaramuzza ci hanno garantito, l’estate scorsa, che avrebbero organizzato e spesato un nostro concerto a Savona. Si è convenuto di fare nuovamente Capodanno e abbiamo concordato una cifra per i costi del concerto. Un mese prima l’Assessore ci informa che purtroppo il concerto non si può fare poiché i soldi destinati a noi sono stati deviati su un capitolo diverso: stipendi per nuovi vigili urbani, necessari in Savona visto il crescente tasso di criminalità. E noi abbiamo accettato, poiché, come scritto nelle premesse, sappiamo che ci sono cose più importanti che un concerto”.

La data quindi di Capodanno salta per i ben noti problemi di bilancio, ma a febbraio un incontro con Scaramuzza sembra portare a un accordo per la data di sabato 22 luglio in Piazza Sisto ma in questo caso sono le norme sulla sicurezza a porre ostacoli: “A fine Giugno poi ci comunicano che purtroppo hanno solo da darci l’80% di quello che abbiamo chiesto, perché sono stati costretti a spostare dei finanziamenti. Non si può più fare nemmeno il 22 Luglio per problemi di sicurezza. Questo perchè l’Assessore non ha formalizzato la data del concerto in tempo e i vigili di Savona hanno negato l’assenso a tenere l’evento per il poco tempo a disposizione per attuare le norme di sicurezza”. Visto l’ennesimo rinvio e qualche incomprensione di troppo è stata proposta infine la data del 4 settembre al Priamar che i “buio pesto” accettano ma anche questo appuntamento tramonta “Oggi l’Assessore ci comunica, in via ufficiale, che non ci sono più nemmeno i soldi che avevano trovato. Niente, nemmeno un euro. Se volete fare il concerto dovete spesarvelo da soli”, così Morini dichiarava e continuava:”Non abbiamo firmato nulla sia chiaro e non faremo nessuna causa, ma una stretta di mano vale di più di qualsiasi altra cosa, abbiamo due proposte di pec in mano quello sì. Lo dobbiamo ai nostri sostenitori, per favore raggiungeteci da altre parti e vi faremo una dedica speciale. Ma soprattutto canteremo tutti assieme la nostra canzone ‘O scindico’”.

Alla domanda se fosse stato possibile un ripensamento Morini rispondeva: “Sono sicuro che non lo faranno, tutti sanno che questo è il loro modo di fare, ma se dovesse succedere, dopo aver ricevuto le dovute spiegazioni sui soldi accetterei; in passato i sindaci di Imperia e Arenzano sono tornati sui loro passi e ci siamo poi esibiti”.

L’Assessore Maurizio Scaramuzza rispondeva a Morini esprimendo la sua delusione, ma mantenendo bassi i toni: “Io ancora non avevo alcun ruolo alla chiusura della campagna elettorale, voglio sottolineare questo; la data di dicembre è saltata per i ben noti problemi di bilancio”. “Come già anticipato da lui – proseguiva Scaramuzza – abbiamo avuto un incontro a febbraio in cui ho garantito che avrei cercato di reperire sponsor privati per la data, e a fatica c’ero riuscito. La cifra è stata garantita i primi luglio, ma purtroppo non ho avuto tempo fisico di organizzare il concerto, visti i fatti di Torino e il conseguente Decreto Minniti avremmo dovuto tirare su un comitato di sicurezza e un piano emergenza. Mi dispiace perché sono un grande fan dei Buio Pesto”.

“Ho proposto con una pec il 4 settembre di provare a recuperare gli sponsor e il piano di sicurezza ma con una mail privata mi è stato risposto che accetterebbero solo per una pec di 8000 per un concerto di Capodanno. Non ho risposto e ho lanciato un’ultima proposta, lasciando a disposizione il Priamar gratuitamente, facendo pagare il biglietto d’ingresso ma non hanno accettato”, aggiungeva l’Assessore savonese. “Non ci sarà nessun altro dietrofront – concludeva l’Assessore – ho da fare dell’altro per la città di Savona. Non ho intenzione di discutere e anzi valuteremo se rispondere agli insulti per le vie più opportune”.

E’ sembrata però volare la colomba della pace, sulla disputa, nella giornata di ieri 27 luglio, per l’intervento della Regione Liguria, niente meno.

“Mi ha chiamato ieri la Regione – ha spiegato il direttore d’orchestra nonché voce della band genovese Massimo Morini – vogliono cercare di trovare una soluzione per sistemare le cose. Mi fa molto piacere”.

Probabilmente la Regione Liguria sta cercando di finanziare il concerto saltato per tre volte: a Capodanno a causa dei noti problemi di bilancio e per gli stipendi dei nuovi vigili urbani; il 22 luglio in Piazza Sisto per problemi di sicurezza dovuti al Decreto Minniti e infine la date del 4 settembre sul Priamar bocciata proprio dalla band a seguito della proposta dell’Assessore Scaramuzza di concedere gratuitamente gli spazi della Fortezza, con il pagamento di un biglietto da parte del pubblico.

Una polemica che potrebbe avere quindi un lieto fine anche se lasciano ancora alcuni dubbi le dichiarazioni iniziali nel post su Facebook del maestro, 27 volte partecipante al Festival di Sanremo come direttore d’orchestra. Un’altra polemica però è sorta dalle affermazioni di Morini, ovvero:”Il Sindaco di Savona Ilaria Caprioglio e l’Assessore Maurizio Scaramuzza ci hanno garantito, l’estate scorsa, che avrebbero organizzato e spesato un nostro concerto a Savona. Questo perchè, sappiatelo e non andrò oltre, ce lo dovevano. Punto e basta: avevano un debito di riconoscenza nei nostri confronti”. Infatti la capogruppo del PD Cristina Battaglia ha ben inteso ed ha presentato subito un’interpellanza urgente per avere ulteriori chiarimenti. “Ci chiediamo – scrive la Battaglia sul suo profilo Facebook – se il concerto di chiusura della campagna elettorale dei Buio Pesto sia stato pagato e se fossero state fornite garanzie alla luce di un debito di riconoscenza”.

Le ha risposto Morini smentendo categoricamente: “Siamo sempre stati pagati a tutti i concerti di chiusura delle campagne elettorali, che siano di destra o di sinistra, naturalmente anche questo è successo per la Caprioglio, la fattura è stata liquidata dalla Lega Nord”.

Pare comunque che i toni siano ora più distesi e che la lite sia “in evoluzione”!

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: