AttualitàEconomia

Artigianato ligure alla riscossa

Il trend negativo che pesava sull’artigianato ligure, secondi i dati
registrati nei primi tre mesi del 2017, si era fermato, mentre, nel
secondo trimestre dell’anno, saremmo addiritura all’inversione di
tendenza e l’artigianato ligure mostrerebbe segni positivi, sia pure
lievi. Secondo gli ultimi dati Infocamere -Movimprese, il trimestre
aprile-giugno si è chiuso con un saldo del +0,36%, sintesi di 798 nuove
aperture d’imprese contro 640 chiusure, che ha fatto salire a 43.963 il
numero delle aziende artigiane attive in regione. Un andamento migliore
anche di quello medio nazionale, che è stato pari a +0,18%.

I due principali settori dell’artigianato, manifatturiero e costruzioni,
registrano, rispettivamente, una crescita dello 0,40% e dello 0,35%.
Entrambi i dati, anche in questo caso, sono migliori rispetto a quelli
nazionali (rimasti invariati tra il primo e secondo trimestre). La
manifattura ligure conta 7.241 micro e piccole imprese artigiane: 112
hanno aperto, mentre 83 hanno chiuso. Il settore delle costruzioni,
invece, con 21.240 microimprese attive, ha visto l’apertura di 408 nuove
ditte e la chiusura di 334.

Sono 9.038 le aziende artigiane attive in provincia di Savona, in
crescita nel trimestre dello 0,13%: 128 aperture, 116 chiusure (+12
unità). Le costruzioni (4.570 unità) registrano un saldo leggermente
negativo tra nuove iscrizioni (64) e cessazioni (69), pari al -0,1%
(appena 5 realtà in meno). Il manifatturiero annovera 1.431 ditte
artigiane in totale; si sono registrate 18 nuove aperture e 12 chiusure,
con un saldo positivo di 6 unità (+0,4%).

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: