AttualitàEconomia

Impianto di biometano a Ferrania: procede la realizzazione

Si cerca di far procedere con sollecitudine, in Regione Liguria, l’iter autorizzativo per la trasformazione del biodigestore di Ferrania Ecologia, in impianto per la produzione di biometano e compost di qualità. Nel corso del confronto tra azienda e settore Ambiente regionale, con richieste di precisazioni e integrazioni di documenti, è stata convocata una terza conferenza dei servizi, che si riunirà presso la Regione Liguria il prossimo mercoledì 9 agosto.

Ferrania Ecologia, joint venture tra Ferrania Technologies (gruppo Messina di Genova) e FG Riciclaggi di Cairo Montenotte, gestisce in Val Bormida l’unico biodigestore della Liguria. Si tratta di un impianto nel quale la frazione umida dei rifiuti provenienti dalla raccolta differenziata, oltre a scarti legnosi e altri rifiuti speciali non pericolosi, viene sottoposta ad un trattamento di digestione anaerobica durante il quale si produce del biogas, che, bruciando, produce energia termica ed elettrica. Il residuo della reazione anaerobica, dopo un processo di stabilizzazione in presenza di aria, è trasformato in compost. Il fabbisogno annuo di rifiuti da trattare è pari a 45 mila tonnellate.

La riconversione in programma, studiata da Austep Spa di Milano, società leader negli impianti industriali a biogas, comporterà la realizzazione di una nuova sezione di digestione anaerobica e di una sezione di trattamento del biogas, che verrà purificato e trasformato in biometano, con una produzione stimata intorno ai 550 metri cubi all’ora, da convogliare nella rete di distribuzione del gas naturale.

La richiesta di variante all’esame della Regione prevede l’incremento di 30 mila t/anno di rifiuti organici, in aggiunta alle 30 mila t/anno attualmente autorizzate, da inviare a trattamento anaerobico con produzione di biogas; nonché l’incremento di ulteriori 10.000 t/anno di scarti verdi oltre a quanto attualmente autorizzato (10 mila t/anno), destinati alla sezione di stabilizzazione aerobica quali componenti strutturali necessari per il compostaggio del residuo disidratato proveniente dai digestori. I quantitativi di rifiuti che complessivamente saranno trattati dall’impianto risulteranno intorno alle 80 mila tonnellate/anno. La superficie occupata dall’insediamento di Ferrania Ecologia aumenterà di oltre 6 mila metri quadrati. Speriamo che questo imponente impianto di trasformazione dei rifiuti sia e mantenga i propositi “eco” che danno il nome alla Ditta!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: