CronacaEconomia

Risparmio energetico. Borghetto e Bergeggi i comuni più virtuosi

Gli interventi realizzati dai privati con l’obiettivo di ottenere un risparmio energetico valgono oltre 3,3 miliardi. Con relativi vantaggi fiscali, legati alle detrazioni al 65%, ottenuti nel corso dello scorso anno. I dati diffusi dall’Enea indicano comunque un’Italia divisa in due: investimenti al Nord, poco interesse al Sud. I comuni nei quali l’investimento pro capite è stato più elevato – mette in evidenza l’analisi del Sole 24 Ore sui dati Enea, si concentrano soprattutto in Trentino Alto Adige. Più in generale, gli interventi più consistenti si concentrano lungo l’arco alpino e, in subordine, nella pianura padana. Il record per investimento pro capite spetta a Medole, 4 mila abitanti nella provincia di Mantova, dove la spesa pro capite ha superato i 3.800 euro nel corso del 2016. Il risultato peggiore, al netto dei circa 500 comuni non citati nel rapporto, spetta a San Didero, nella città metropolitana di Torino, dove la spesa pro capite è stata di appena otto centesimi di euro.

Con questi interventi, sono stati risparmiati lo scorso anno in Italia 1.100 gigawattora di energia elettrica. Per scendere al livello provinciale, il taglio dei consumi ha consentito di risparmiare in provincia di Savona circa 8,78 gigawattora. E per restare nel Savonese, il Comune dove l’investimento pro capite è stato più elevato è Borghetto Santo Spirit, con una spesa di 435 euro per abitante, seguito da Bergeggi con 323. Seguono, ma staccatissimi, tutti gli altri: Noli 175, Celle Ligure 167, Ceriale 164, Spotorno 162, Loano 150, Andora 141 Savona 140, Pallare 139, Varazze e Albissola Marina 137Vezzi 136, Stella e Zuccarello 132. In fondo alla classifica Castelbianco con 6 euro pro capite, Villanova d’Albenga, Nasino e Magliolo con 12.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: