Attualità

Savona, nodo autostradale invaso dai Tir

La situazione dell’area del nodo autostradale di Legino è disarmante: i tir hanno preso possesso di ogni fazzoletto di terra disponibile. Un bivacco di autotrasportatori che non intendono sottostare alle nuove regole francesi che non consentono ai conducenti di trascorrere sul camion il cosiddetto riposo settimanale (45 ore senza guidare). Costretti a correre per non soffocare. Ma, nello stesso tempo, impossibilitati a farlo per mancate scelte strategiche intorno alle grandi infrastrutture. Ritardi a cui si sono ora aggiunte modifiche normative nei trasporti adottate da altri Paesi ma che stanno avendo clamorose ripercussioni alle porte di Savona. Di fronte all’alternativa poco gradita di andare in albergo, lasciando incustodito il camion (con o senza carico), hanno scelto in blocco di continuare a riposarsi sul camion, ma in Italia.  Nella zona degli svincoli autostradali, già alle prese con in marasma estivo, tutto questo mette la città in ginocchio.

L’elaborazione dei rimedi è in corso. Prosegue, tra le altre, l’iniziativa coordinata dalla Camera di Commercio e sostenuta dalle categorie economiche per trovare nuove aree di parcheggio da aggiungere all’insufficiente autoparco accanto all’autogrill di Savona. Gli occhi sono puntati sulle aree di Tirreno Power non più strategiche per l’attività della centrale elettrica: i problemi da superare sono complessi ma bisognerà andare oltre gli ostacoli per evitare il collasso del sistema logistico ligure (e non solo). Anzi, sarà necessario ingaggiare una vera e propria corsa, perché alla fine del prossimo anno è anche previsto l’avvio dell’operatività del terminal contenitori di Vado Ligure, con la moltiplicazione dei Tir in attraversamento del nodo di Legino.

E’ questo il punto cruciale dove si misurerà l’efficienza (o l’inefficienza) della catena logistica globale originata in Estremo Oriente e che da Vado Ligure punta a servire il Sud Europa, con l’ambizione di sfidare i porti del Northern Range anseatico. La soluzione, che rischia di arrivare comunque in ritardo, comprende l’apertura del nuovo svincolo autostradale a Bossarino, alle spalle dei varchi portuali di Vado, in grado di assorbire i traffici del terminal contenitori non intercettati dalle ferrovie. Naturalmente c’è tutta una serie di “ma”, che riguardano il progetto esecutivo, i tempi di realizzazione, le risorse, “ma”, prima ancora, la costruzione del by pass autostradale di Bossarino è legata all’allungamento di almeno 15 anni della concessione autostradale alla società Autofiori, in scadenza intorno al 2027.

Legato al prolungamento della concessione è infatti un piano di investimenti che per Autostrada dei Fiori Spa (gruppo Gavio) prevede il finanziamento e la realizzazione del nuovo svincolo di Bossarino. L’Autofiori, va anche ricordato, è partner dell’Autorità di Sistema Portuale nella gestione dell’Interporto Vio, destinato a giocare un ruolo di primo piano nell’evoluzione dei traffici dello scalo vadese. Autofiori ha presentato la richiesta di revisione delle intese con il ministero delle Infrastrutture e Trasporti nel dicembre del 2015, ma è tuttora in attesa di una risposta. Il ministero, preliminarmente, ha avviato un confronto con la Commissione europea per capire se era lecito autorizzare delle proroghe in cambio di un sostanzioso pacchetto di investimenti e di un calmiere sulle tariffe.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: