CronacaPolitica

Colloquio con Livio di Tullio. L’ex vice sindaco di Savona: ” la politica è passione, sentimento emozione”

E’ un Livio di Tullio sorridente e cordiale come sempre, aperto nel raccontare e raccontarsi di fronte ad un caffè, in un afoso pomeriggio estivo, venato da un leggero temporale . Savonese di nascita, classe 1962, sposato con tre figli, che dice essere la cosa piu bella che possiede , assente dal panorama politico savonese da un pò di tempo, con la solita verve ed immediatezza, parla di se, del suo passato di cui “porta dietro i valori e i principi” ma a cui non guarda con nostalgia e di un futuro in cui ripone fiducia; un Livio di Tullio che tra Emanuelle Macron e Jeremy Corbyn preferisce Corbyn, che definisce la politica una malattia dalla quale non si guarisce, ma che no, non crede farà ancora politica in futuro.

D) Quali sono le doti che secondo lei fanno di un politico un buon politico ?

R) il discorso accorato, appassionato che Jeremy Corbyn, 66 anni, leader dei laburisti inglesi ha fatto di fronte ad una folla entusiasta di giovani al Glastonbury Festival, fa capire che non basta la testa e neppure la pancia ma bisogna metterci cuore e passione . La questione non è solo generazionale ; i politici intorno a noi , sono delle vere e proprie mozzarelle industriali, sono belli ma non hanno sapore; non hanno capito che alla base ci devono essere i contenuti, le cose che dici e come le dici, anche se riconosco che fare politica ed amministrare al giorno d’oggi non sia per niente facile. Ma la politica è passione , è sentimento, emozione, non è esattamente per tutti razionale. Ce l’hai solo se non fingi.

D)Quando ha iniziato a fare politica ?

R)Ho iniziato a fare politica molto presto; la passione nasce grazie alla figura di un padre che è tato partigiano, operaio, comunista non ideologico. Un percorso quasi segnato. In casa giravano libri di Fenoglio,..Il “Partigiano Johnny”,”Primavera di Bellezza”.., dove leggevo di una resistenza cruda, asciutta ,dolente, mai retorica. Anche la mia predisposizione mentale non del tutto tranquilla direi che ha contribuito a segnare il mio cammino. Ho frequentato l’Itis G. Ferraris di Savona, ma non amavo studiare se non economia, storia , politica. Poi sono andato a lavorare in Coop Liguria ed è iniziata la mia attività sindacale. Ancora una volta illuminava la mia via la regola paterna della massima correttezza; mio padre mi ripeteva spesso “Devi essere inattaccabile”. Ricordo Iniziai subito a mettere in luce le mie “sfumature” caratteriali: era estate e nonostante il caldo non veniva distribuita l’acqua a chi lavorava; piantai una sonora bega. Venni così notato dal sindacato savonese e da quello genovese. A quest’ultimo risultai già allora troppo “intraprendente”. Ai savonesi no. Allora, la visione critica nel sindacato savonese, era molto apprezzata.

D) Un inizio assolutamente promettente. Ha ricordi gloriosi circa l’attività sindacale degli anni a venire ?

R) Di gloria poca. Di esperienze drammatiche e formative ne ricordo molte. Ricordo il periodo caldo dell’Italsider con il fallimento della Omsav, una delle piu belle officine meccaniche d’Italia, a quel tempo in crisi. In veste di sindacalista poco prima che le banche rifiutassero la proposta di concordato mi fu chiesto di proporre ai lavoratori l’investimento del Trf nella nuova azienda , cosa che io pur non convinto feci; ci fu un referedum interno alla fabbrica ma l’esito fu negativo. La Omsav peraltro fallì non per questo ma perchè gli istituti di credito intravidero nel fallimento, piuttosto che nel proseguo dell’attività industriale, un recupero maggiore. Alcuni operai rientrarono nel programma di prepensionamento, altri integrati in lavori socialmente utili poi trasformatisi a tempo indeterminato, altri ancora assunti in aziende locali. A casa non rimase nessuno, ma sul piano personale fu per me una esperienza snervante , come lo fu durante la crisi Piaggio negli anni 94 e 95; fu una vertenza vittoriosa ma ne uscii logorato.

D)Nel descriversi ha affermato di non provare rabbia o invidia per coloro che hanno successo e trova giusta l’intraprendenza e la voglia di arrivare. Le sue ambizioni ?

R)Io ho avuto sempre una sola ambizione: fare il sindaco della mia città. Volendo fare solo questo, non ho ragioni di rimpianto nel non aver accettato percorsi che mi avrebbero portato ad assumere incarichi come il consigliere regionale o il parlamentare benchè mi venisse proposto e a suo tempo si siano presentate le occasioni. Aggiungo che per essere figlio di un operaio, posso dire di essere stato più fortunato di tanti altri, perchè ho fatto ciò che mi piaceva fare.

D)Parlando di Livio Di Tullio politico non si può prescindere dal legame con l’ex sindaco di Savona Federico Berruti. Perchè ha ricoperto il ruolo di assessore esterno senza candidarsi, con l’allora sindaco Berruti ?

R)La prima volta, nel 2006, ci fu un accordo dentro i DS e con Federico Berruti; la mia era una nomina atta per rafforzare l’ amministrazione sulle problematiche legate all’economia, al lavoro e all’urbanistica. Su questo ultimo tema, molto delicato, ricordo con piacere che Federico Berruti asseriva che con me non ci sarebbe stato mai alcun sospetto sulla gestione di questioni di rilevante interesse economico. Nel secondo mandato, dopo il 2011, conclusasi la mia esperienza di segretario provinciale del Pd, si apriva la necessità di pensare al “dopo” del Comune di Savona. Per molto tempo, su questo “dopo” ci fu intesa tra me, gli altri assessori e Berruti . Poi improvvisamente Federico decise di cambiare idea e candidato, chiuse i rapporti con tutta la sua giunta, con il risultato che conosciamo.

D)Ed arriviamo così alle primarie di coalizione del 3 aprile 2016 in vista delle elezioni comunali di giugno per scegliere il successore di Federico Berruti con la messa in campo della sfidante 42 enne ricercatrice e dirigente regionale Cristina Battaglia voluta da coloro che lei definì provocatoriamente “ tigri di carta”.

R) Le ” tigri di carta” sono e tali restano, quei dirigenti Pd che saltati sul carro renziano pensavano di avere modo di decidere tra di loro il futuro sindaco di Savona . Con lo spirito renziano hanno a che fare come il sottoscritto con la danza classica. I danni che hanno fatto sono sotto gli occhi di tutti e il fatto grave è che continuano a far danni. In particolare, il dopo primarie fu gestito in modo decisamente negativo da parte dell’allora segretario PD e del candidato sindaco. Decisero di mettere da parte il sottoscritto e le molte persone che rappresentava, soprattutto fuori dal PD; non provarono a rimettere insieme la sinistra e fatto ancora più grave, non provarono neppure a riunire il partito, anzi, scatenarono una eliminazione dalla lista di persone per bene e molto conosciute. Bastava avere in lista Isabella Sorgini, Francesco Lirosi, confermare la fiducia, meritata, a Paolo Apicella e ad Elisa Di Padova e al ballottaggio si sarebbe vinto. La loro presunzione politica impedisce ancora oggi di riconoscere l’errore, condizione necessaria per ripartire.

D)Cosa ne pensa del Sindaco Ilaria Caprioglio?

R)E’ una donna molto simpatica, empatica, in gamba anche se oggettivamente tanti margini, nello svolgere il suo mandato, non li può avere, come oggi spesso accade a chi amministra in Italia. Però si è legata troppo al centro destra e alla lega e questo non le porterà fortuna.

D)Cosa ritiene di avere fatto di significativo nel suo mandato ?

R)Tutti i progetti attualmente in corso di realizzazione sono nati durante il mio assessorato; la passeggiata a ponente e quella di Zinola, l’ acquisizione di Palazzo Santa Chiara, il recupero dell’ex ospedale San Paolo. Riconducibili a me anche la realizzazione di alcune rotonde e attraversamenti pedonali, opere più piccole ma significative per la sicurezza pubblica. Vado particolarmente orgoglioso della norma da me fortemente voluta che obbliga specifici esercizi commerciali, in sede di manutenzione straordinaria, alla creazione di servizi igienici e accessi per disabili, come è motivo di grande soddisfazione la realizzazione della prima area giochi alla quale possono accedere anche bambini con disabilità motorie o visive o bambini accompagnati da genitori disabili.

D)Sul suo blog , in apertura, impera una frase molto suggestiva. “Non esiste più il futuro di una volta” e scrive: “A me Savona piace. Mi piace il suo essere sospesa tra la necessità e il desiderio del cambiamento e la voglia di restare quella che era. Un continuo confronto tra ciò che siamo o siamo stati e quello che diventeremo”. Dopo il suo ruolo in comune è tornato ad essere un funzionario della camera del lavoro di Savona e svolge le sue funzioni anche in Valbormida. Quale futuro intravede per quest’ultima e per Savona ?

R) La Valbormida rimane una zona bellissima e ricca di potenzialità economiche, nonostante il gravissimo momento di crisi che sembra assumere le sembianze di un declino inarrestabile. Non è così, bisogna reagire. Occorre avere un peso e una visione che vanno oltre i confini dei singoli comuni. Divisi non siete niente, insieme invece si può avere ancora voce in capitolo. Del resto, la situazione è molto simile anche per Savona e i destini della Valbormida e di Savona sono da sempre e per sempre legati. Noi esistiamo e abbiamo futuro non se siamo assorbiti da Genova ma se rilanciamo il nostro rapporto storico con Torino e il Piemonte e da lì con la Francia e l’Europa. Dobbiamo però trovare il coraggio di rischiare. Per provocazione mi viene da dire che sarebbe l’ora di pensare ad un unico comune tra Savona e la Vallebormida. Il nome potrebbe essere Dipartimento di Montenotte, come lo chiamavano i francesi, veri precursori, insieme ai piemontesi, delle nostre fortune.

D) Oggi si fa politica anche con i social. Lei spesso interviene con puntuali analisi sulle politiche locali e nazionali e sui grandi temi mondiali con tempi di lettura per niente risicati e con spunti di riflessione complessi nei quali si intravedono approfondite conoscenze e passione. Tornerà a fare politica ?

R)No …non credo.

L’unica risposta a cui, accomiatandoci, non crediamo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: