Rubriche

APPUNTI E DISAPPUNTI

Quando, circa tre mesi or sono, Emmanuel Macron fu eletto Presidente della Repubblica francese ci furono i soliti zelanti che si affrettarono a dire che Renzi era il Macron italiano. Oggi, dopo che i più recenti sondaggi francesi danno la popolarità del Presidente in calo di ben dieci punti (in un mese) qualcuno ha detto che Macon può essere il Renzi francese. Alcune cose li uniscono: 1) la giovane età, 2) la novità della proposta politica, 3) l’insofferenza nei confronti degli establishment , 4) l’energia nel perseguire i propri obbiettivi. Ma governare è molto più difficile che fare promesse credibili e poi realizzarle e, di conseguenza, alla prova dei fatti molti di coloro che avevano accolto con entusiasmo la novità, con altrettanta velocità si sentono delusi. Sia chiaro: come una rondine non fa primavera, così un sondaggio negativo non fa sicuramente inverno. Infatti, io credo che Macron risalirà presto nei sondaggi, perché le sue decisioni recenti non sono impopolari in Francia. I francesi, infatti, non sono europeisti. Non lo era Charles de Gaulle, che nel 1958, appena tornato al potere, fece fallire l’accordo tripartito Inghilterra, Francia, Stati Uniti su un progetto nucleare comune, optando per un armamento nucleare francese. Quest’ultimo, definito giornalisticamente “Force de frappe”, collocò la Francia come terza potenza nucleare del mondo. Da allora la Francia è stato il Paese, in Europa, che ha speso di più per la propria difesa. Queste somme sono state compensate dal fatto che la Francia è, ancora oggi, il quarto Paese mondiale per esportazione di armi, tecnologia e veicoli militari, con compratori privilegiati quali Arabia Saudita, Iran ed Egitto. Proprio i rapporti con l’Egitto hanno convinto Macron a stabilire un rapporto con il Generale libico Haftar leader del Governo di Tobruk, e antagonista del Presidente Fayez al Sarraj leader del Governo di Tripoli. Infatti al Sarraj, riconosciuto dall’ONU, si muove nel quadro dell’Alleanza Atlantica da cui è privilegiato. Mentre Haftar ha rapporti stretti con l’Egitto e, conseguentemente, con la Russia di Putin. Il nostro Governo che è stato scelto dall’ONU come interlocutore privilegiato nei rapporti con la Libia, in realtà è un’anatra zoppa, perché non può avere rapporti amichevoli con Haftar, avendo interrotte le relazioni ufficiali con l’Egitto dopo che è stato ritirato l’Ambasciatore italiano al Cairo per il caso Regeni. Sul caso Regeni non sapremo mai la verità (cioè non sapremo mai chi ha dato l’ordine di arrestarlo e sottoporlo al trattamento che lo ha ucciso) perché la verità comporterebbe una rottura ufficiale delle relazioni diplomatiche con l’Egitto. Cosa che, come nazione, non ci possiamo permettere. Quindi Macron ha preso atto di questo ed ha approfittato per prendere una iniziativa che riparasse (almeno parzialmente) agli errori commessi da Sarkosy, il quale facendo la guerra a Gheddafi, ha privato la Libia di un Governo forte con cui trattare. Anche nel problema FINCANTIERI – CANTIERI DI SAINT NAZAIRE, Macron sta facendo gli interessi della Francia riparando agli errori del suo predecessore Hollande il quale ha permesso che una concorrente europea (Fincantieri, appunto) acquistasse il 66% del Capitale sociale di una Società che ha in portafoglio ordini per 1,5 miliardi di Euro, pagando meno di 70 milioni di Euro; cioè sborsando una somma pari ad un terzo di quanto il Paris Saint Germain dicono sia disposto a spendere per acquistare dal Barcellona la mezz’ala Neymar da Silva Santos junior. Il che è tanto più grave se si tiene conto che i Cantieri Saint Nazaire hanno nel proprio patrimonio tecnologie avanzatissime, da destinare alle navi da guerra (ivi compresi i sommergibili) prodotte dal cantiere francese. Concludendo mentre Macron si sta muovendo cercando di mettersi in sintonia con gli umori più profondi dei francesi, Renzi, al contrario sembra avere smarrito la ricetta iniziale che lo aveva portato ad emergere prepotentemente sulla scena politica italiana. Dopo i primi mesi di gestione decisa e spericolata, ha dato l’impressione di piegarsi ai dictat della parte più conservatrice del suo Partito ed invece di proseguire con il patto del Nazareno, ha cercato il compromesso con la parte ex comunista (l’ex ci cresce perché comunisti lo si è in eterno) coalizzando tutti quelli che per una ragione o per l’altra ce l’avevano con Lui. L’augurio è che i due più giovani uomini politici europei abbiano la capacità e la possibilità di dimostrare pienamente il loro valore nell’interesse loro e dei nostri figli e nipoti.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: