Attualità

Stipendi degli sportivi. Una disparità giustificata?

Quanto guadagnano gli sportivi professionisti? In linea di massima molto, considerando che si guadagnano la pagnotta praticando uno sport che in generale li appassiona. Sicuramente la vita di un operaio in fabbrica è molto più dura, oltre che infinitamente meno remunerativa. Tuttavia esistono delle sostanziali differenze tra i guadagni di un atleta a seconda dello sport praticato. Tali differenze, definibili talvolta anche come ingiustizie, sono dovute a fattori come gli sponsor, i contratti televisivi, la visibilità di uno sport e così via. I calciatori e i cestisti dell’NBA (la lega di basket degli USA) ottengono ogni anno cifre esorbitanti. Lionel Messi, campione e leggenda del Barcellona ha uno stipendio da 30 milioni annui, a cui si vanno aggiungere i circa 30 milioni che l’argentino incassa dagli sponsor ogni anno. Cristiano Ronaldo, Neymar, Paul Pogba, solo per citarne alcuni, ruotano attorno a cifre simili. Ciò che può lasciare sbalorditi è che anche un giocatore normale come può essere Mounier (attaccante del Bologna) militante in una squadra di medio/bassa classifica, pur non essendo titolare, ha uno stipendio di 500 mila euro, una cifra di poco inferiore ai quasi 600 mila euro incassati dai fuoriclasse del mondo dello sci alpino, uno sport estremamente pericoloso, Mikaela Shiffrin e Marcel Hirscher. Anche i cestisti dell’NBA non se la passano male: Lebron James, il messi del basket, guadagna 30,6 milioni annui e Michael Conly, chi?….a molti può risultare sconosciuto, ma il playmaker dei Memphis Grizzlies incassa 26,5 milioni ogni anno. Parlando sempre di sport con la palla, la pallavolo o il tennis possono dire la loro, tuttavia con cifre che mediamente sono distanti anni luce dagli stipendi di calciatori o giocatori dell’NBA. In Italia un pallavolista può percepire al massimo 250 mila euro annui, in Russia o negli Stati Uniti si giunge a 800 mila euro, ai quali vanno aggiunti ovviamente gli introiti derivanti dagli sponsor. Un giocatore di beach volley può arrivare a guadagnare 2 milioni ogni 12 mesi. Federer, mito del tennis, ha vinto in premi nel corso della sua strabiliante carriera 107,34 milioni di dollari. Anche i nuotatori possono dire la loro: Federica Pellegrini, orgoglio italiano nello stile libero, ricevette 147 mila euro per i soli mondiali di Roma del 2013. Passando ai motori, la F1 è anch’essa un paradiso dove poter guadagnare cifre astronomiche, anche se tali numeri sono giustificati dalla pericolosità di una disciplina nella quale si corre, talvolta, in circuiti cittadini ai 300 km/h, tra le curve di Montecarlo, per esempio, nelle quali una persona normale viaggia a una media di 50 km/h. Il compenso di Lewis Hamilton, campione della scuderia Mercedes, si aggira intorno ai 30 milioni annui. Tuttavia uno dei casi più controversi del mondo dello sport, insieme allo sci alpino, è costituito dal motomondiale, sport nel quale i piloti, ad ogni gara, mettono a rischio la loro vita. Anche se i così detti “Top Rider” della MotoGP, la classe regina, hanno cospicui stipendi: Valentino Rossi riceve 6,5 milioni, Jorge Lorenzo il doppio, Marc Marquez 9 milioni e altri 5 piloti superano il milione, ma la maggior parte dei motociclisti ha uno stipendio inferiore a un calciatore di medio/basso livello militante in uno dei principali campionati europei. Un pilota come Danilo Petrucci, autore fin qui di una fenomenale stagione considerando il livello tecnico della sua moto, guadagna 150 mila. In più gli stipendi si abbassano scendendo di categoria, ma non di pericolosità.

Ovviamente un motociclista e uno sciatore hanno un tenore di vita sicuramente migliore di una persona normale, che si deve alzare tutte le mattine alle sette per andare a lavorare in ufficio o in fabbrica. Tuttavia è eticamente corretta una tale discrepanza remunerativa tra le varie discipline sportive?

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: