Attualità

Calciando in rete: il ritorno del “samurai” sulle rive del Lario

L’ex allenatore del Savona Ninni Corda sembrava ormai in rampa di lancio per iniziare la nuova stagione all’interno dei quadri dirigenziali della Nuorese dove avrebbe dovuto ricoprire il ruolo di ‘Responsabile dell’AreaTecnica’, ma con un vero e proprio coup de théâtre alla Cassano, dopo appena cinque giorni di collaborazione (pur tuttavia senza ancora nessun contratto firmato), il vulcanico tecnico sardo ha deciso di accettare la proposta del Como, pronto ad affidargli la supervisione dell’area tecnica lariana. Le sorti della gloriosa società che Corda aveva guidato già nella stagione 2007/2008 in cui vinse il gir.B della serie D approdando in C2 (presidente Vincenzo Angiuoni, capitano Roberto Cau) nella prima decade di luglio 2017 sono state nelle mani del sindaco del capoluogo lariano Mario Landriscina che si è avvalso dell’art. 10 comma 52 del vigente regolamento FIGC (inerente il trasferimento del titolo sportivo di una squadra disaffiliata), nominando una commissione atta ad esaminare le proposte dei soggetti interessati alla rifondazione del club e alla sua reiscrizione a un campionato dilettantistico. Al termine della procedura di valutazione, tale commissione comunale ha selezionato la cordata capeggiata dalla Nicastro Group (composta dagli imprenditori Massimo Nicastro, Roberto Renzi, la vecchia conoscenza Vincenzo Angiuoni e dai dirigenti Roberto Bellotti e Roberto Pruzzo, ex ds del Savona Calcio) la quale ha costituito il Como 1907 s.r.l., poi ammesso in sovrannumero al campionato di Serie D 2017-2018, rilevando la tradizione sportiva azzurra.I lombardi, dopo queste ultime sofferte vicissitudini societarie, stanno puntando sul progetto del neo presidente Massimo Nicastro per recuperare le categorie più prestigiose a stretto giro di posta, giovandosi anche del contributo di Corda.L’ex mister biancoblù era stato assunto dal Savona nel 2011/2012 proveniente dal Tavolara e partendo il primo anno dalla Lega Pro Seconda Divisione dove ottenne una clamorosa salvezza, aveva conquistato al suo secondo anno (stagione 2012-2013) la promozione in Lega Pro Prima Divisione e l’anno successivo aveva addirittura mancato per poco il passaggio in Serie B, fermandosi alla storica semifinale dei play-off vinta ai rigori a Vicenza. Nell’estate successiva, la rosa della squadra ora allenata da Tabbiani subì però un notevole ridimensionamento in sede di calciomercato, tale da spingere il tecnico a rassegnare le dimissioni il 21 luglio 2014. Nel 2015 Corda venne chiamato a marzo a subentrare all’esonerato Marco Sesia sulla panchina del Barletta, con cui concluse il campionato di Lega Pro 2014-2015 all’11° posto. Al termine della stagione, la società fallì e Corda rimase senza squadra incappando in una lunga squalifica. In riposo forzato per quanto riguarda la carriera da allenatore riprese l’attività calcistica lavorando in Spagna con il Leganes, la terza squadra di Madrid, in attesa di riprendere la carriera in panchina.Ninni, come è nel suo stile, smania dalla voglia di iniziare dopo aver assunto l’incarico fresco di collaboratore tecnico del Como a seguito della decisione della nuova società, il cui amministratore delegato è un altro sardo, l’imprenditore cagliaritano Roberto Felleca, che ha dichiarato :” La sua esperienza tornerà senz’altro utile. Tra l’altro è legatissimo all’ambiente, una piazza che appena due anni fa giocava in B allenata guarda caso dal sardo Gianluca Festa e che ovviamente punta al ritorno del calcio che conta. Gli abbiamo attribuito un incarico compatibile con la squalifica che sta scontando che scade tra circa un anno”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: