Attualità

LA RIVIERA LIGURE SEMPRE NEL CUORE DEI FIGLI DI ALBIONE

Non è molto che ricordavamo l’ouverture da concerto di Edward Elgar “In the South, Alassio”, op.50, scritta dal grande musicista inglese nel 1903: testimonianza del legame tra la Riviera Ligure e gli inglesi – i figli di Albione – ma potremmo citare anche il golfo di La Spezia, chiamato “golfo dei poeti” da Sem Benelli ed anch’esso indelebilmente legati ai ricordi di Schelley, di Byron, di Lawrence; sin dal XIX secolo i britannici erano soliti soggiornare ad Alassio,a Sanremo, a Bordighera e nelle cittadine del Ponente Ligure: a tale proposito il nome di Thomas Hanbury rimane più che di attualità, seppure il legame anglo-ligure forse era finito col rimanere poco impresso nella memoria! Ma, negli ultimi anni, sembra essere stato riscoperto. Recentemente, il sito www.theguardian.com, ha dedicato un articolo alla parte della Riviera di Ponente più nota agli inglesi ed ha così riscoperto l’antico amore, in un viaggio che ha toccato Alassio, Laigueglia, Albenga e Noli.
Diverse le attrazioni, le eccellenze del territorio, i ritrovi, cui la giornalista che ha curato il servizio riserva un occhio di riguardo, come, ad Alassio, l’Hotel Eden, l’Osteria La Sosta, la Gelateria Cuvea e Villa La Pergola. Luoghi incantevoli dove scoprire da una parte il paesaggio e la storia, dall’altra i sapori della Liguria.
Ad Albenga lo stupore è suscitato, ovviamente, dal Centro Storico con le celebri torri e dal ristorante da Turlà in via Torlaro.
A Noli non possono sfuggire la spiaggia, la focaccia e naturalmente la storia.
Laigueglia si fa notare in modo particolare e lasciano un segno la Festa di San Matteo e l’Osteria sociale U Levantin.
U Levantin è Osteria Sociale perché i collaboratori del locale sono ragazzi e ragazze disabili, mentre in cucina lavorano due  migranti in fuga dalla guerra e dalla povertà.
Spiega Alessandro Giulia, Presidente della Cooperativa Jobel “Questa attività  non è finalizzata all’utile d’impresa, ma ogni risorsa viene reinvestita per migliorare il processo di inserimento lavorativo. Il progetto mira all’integrazione sociale sia dei ragazzi portatori di handicap sia dei profughi. Da noi lavorano un ragazzo del Senegal ed uno dell’Afghanistan ai quali abbiamo voluto insegnare la cucina del Levante Ligure portandola a Ponente dove è poco conosciuta.”
“U Levantin è integrazione sociale ma anche attenzione alla qualità e al cibo. Siamo stati felici di essere stati contattati dalla giornalista di The Guardian per noi è una opportunità di farci conoscere anche oltreconfine. Il nostro progetto e la nostra cucina ha interessato già altri programmi come TV2000 e Mela Verde, ma con questo articolo abbiamo la possibilità di essere conosciuti maggiormente anche all’estero”.
E, corsi e ricorsi, l’anno scorso le bandiere inglesi erano state simbolo della protesta degli imprenditori balneari contro la “Direttiva Bolkenstein”!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: