Attualità

“Omnia Medica, l’importanza dello sport”, convegno sulla relazione tra sport ,medicina e salute

Sarà un incontro ricco di spunti a proposito della stretta relazione tra sport, medicina e salute quello organizzato da Omnia Medica per martedì 5 settembre.
Il convegno intitolato “Omnia Medica, l’importanza dello sport” , che si svolgerà presso la Sala della Sibilla della Fortezza del Priamar a Savona dalle 17:30 alle 19:30, vedrà avvicendarsi gli interventi dell’assessore alla sport del Comune di Savona Maurizio Scaramuzza, del delegato provinciale del CONI Savona Roberto Pizzorno, il dottor Andrea Addis (medico dello sport) e il dottor Giampaolo Pesce, delegato regionale FMSI. Sarà Lorenza Verney, consigliere di Omnia Medica, a introdurre l’incontro formativo e a spiegare, a margine degli interventi degli ospiti, la realtà di Omnia Medica e le varie convenzioni che propone.
“Si fa confusione sui decreti legge soprattutto per quanto riguarda l’attività non agonistica anche se è tutto regolamentato in modo molto preciso ci preme sottolineare anche il ruolo del medico sociale nell’ambito dell’attività sportiva che deve avere precisi adempimenti sui certificati di idoneità”, afferma il dottor Pesce che, insieme al dottor Addis, spiegherà l’inquadramento totale della tutela sanitaria dell’attività sportiva.
“Per quanto riguarda invece l’altro punto che tratteremo il discorso doping con abuso di farmaci prevede alcuni casi di esenzione ai fini terapeutici, questo è il caso ad esempio di atleti che prendono farmaci che sono vietati ma utilizzabili soprattutto per patologie in atto”, ha poi concluso.
Come anticipato, non ci saranno solo i fondamentali e irrinunciabili pareri medici ad animare il convegno. Roberto Pizzorno parlerà dei progetti che verranno messi in atto per sensibilizzare il mondo dello sport su un tema come quello della salute che non può e non deve essere messo in secondo piano: “È giusto che si parli dei benefici della scienza, con il Coni ci siamo attivati su questo e abbiamo organizzato un progetto in collaborazione con la Regione Liguria denominato COPS, il percorso realizzato insieme a dei tecnici ha portato i bambini a fare fare visite particolari con un medico e uno psicologo”.
“La medicina e lo sport vanno a braccetto – prosegue Pizzorno – il progetto pilota è nato a Genova e si è allargato su tutte le Province, abbiamo avuto forte riscontro con un evento in corso Tardy e Benech alla presenza di ragazzi dai 10 agli 11 anni”.

Ci sarà anche spazio per il progetto Educamp, fortemente sostenuto da Pizzorno: “È stato un grandissimo successo abbiamo avuto oltre 70-80 bambini nelle tre settimane, al di là della attività sportiva ludica era presente un medico perche volevamo una tutela per chi pratica attività non agonistica”.

Per maggiori informazioni su Omnia Medica, è possibile consultare il sito internet: http://www.omniamedicagroup.it/poliambulatorio-omnia-medica-savona/

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: