Cronaca

Rissa al torneo Carlin’s durante Savona-Beaulieu, coinvolti i genitori

Di Linda Miante

La seconda giornata della 59a edizione del Torneo Giovanile Carlin’s Boys, che ha visto sfidarsi Savona – Beaulieu, si è conclusa con dieci minuti di anticipo a causa di una rissa tra genitori. Non solo sport, quindi, allo stadio Comunale di Sanremo, ma anche calci, schiaffi e insulti.

Il parapiglia è iniziato nel secondo tempo, dopo il gol del Savona, quando dal campo sarebbero arrivati insulti e accenni di scontro indirizzati a giocatori e pubblico biancoblù. Così, visto il nervosismo dei suoi, lo staff del Beaulieu  ha subito optato per la sostituzione dei ragazzi coinvolti, ma a causa di un organico ridotto, gli stessi giocatori sono subito rientrati sul rettangolo di gioco. Questa manovra ai limiti del regolamento ha sollevato le proteste dei tifosi biancoblu, che hanno chiesto maggiore serietà da parte del direttore di gara e della panchina francese.
Quando, dopo l’ennesima sostituzione con tanto di rientro, lo stesso giocatore ha rivolto un gestaccio in direzione del pubblico savonese, due genitori non si sono fatti pregare e scavalcando la recinzione hanno “risposto” all’autore del gesto. Sono volati calci e schiaffi, tanto che l’arbitro ha anticipato il triplice fischio. La situazione si è calmata solo dopo l’arrivo delle forze dell’ordine, ma non sono escluse querele di parte perché, come spiega il responsabile del settore giovanile Roberto Canepa: «Noi siamo parte lesa, c’è stato un atteggiamento provocatorio dalla squadra avversaria, è stata legittima difesa».
Un ragazzo del Savona è finito al pronto soccorso.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: