Attualità

Rocchettese: 45 anni di onore, passione e amore per la maglia

Da ormai qualche giorno la Rocchettese, agli ordini del nuovo allenatore Leandro Pansera, ha iniziato ad allenarsi. Sono ormai 45 gli anni dello storico sodalizio rossoblu, compiuti lo scorso 10 giugno.

Per celebrare questo importante traguardo, abbiamo fatto una chiacchierato con il segratario della società Simone Ferrero.

45 anni ininterrotti di Rocchettese, il segreto di tanta longevità?

“45 anni di storia sono tanti per una piccola realtà come la nostra. Merito della grande forza di volontà di chi ha a cuore le sorti della nostra società e del forte spirito di campanilismo. Un pensiero a chi non c’è più e che sarebbe sicuramente contento di vedere ancora viva la società alla quale ha dato tanto con grande spirito di volontariato.  Come non parlare del presidente Bonificino, una figura storica della nostra società che ha dedicato tutta la vita alla maglia rossoblu. Il segreto è stato l’aiuto di tutti, a partire dal presidente Leotta, da otto anni al timone. Quando vorrà cedere spero che il progetto vada avanti. Anche Carta, il vicepresidente, ha sempre fatto tanto, tenendo viva la gestione dell’impianto sportivo, per noi fondamentale. A livello provinciale la Rocchettese è un unicum: tanta gente così a tifare e piangere per una maglia è cosa da professionisti”.

Tre parole per descrivere la Rocchettese

“Onore, passione e amore per la maglia”

Avete qualcosa in programma per festeggiare un momento così importante?

“Abbiamo già festeggiato quest’estate, altri eventi non sono in programma essendo il 10 giugno già passato. Vorremo, fra cinque anni, organizzare una grande festa per il mezzo secolo di ininterrotta attività invitando personaggi di rilievo”:

Passiamo al campo, firmeresti per una salvezza tranquilla?

“Vogliamo toglierci delle soddisfazioni. Non vogliamo solo la salvezza. Ci piacerebbe infatti provare ad acciuffare i play off. Ci sono stati tanti innesti in questi anni, nella dirigenza e nella rosa, che hanno fatto crescere molto la Rocchettese. Siamo una grande famiglia, dove si gioisce e si soffre tutti insieme, sempre e qualsiasi cosa accada. Questa è la nostra grande forza, un qualcosa di raro nel panorama calcistico e che potrà essere la nostra carta vincente. L’obiettivo di quest’anno sarà quello di collaborare con tutte le società della zona, vogliamo migliorare l’impianto sportivo a partire dal miglioramento degli spogliatoi. Nell’arco di tre anni vogliamo portare il sintetico, in collaborazione con la Federazione e la Giunta Comunale. Vogliamo portare sempre più rocchettesi a vederci, i giovani a giocare per la Rocchettese e incrementare la nutrita tifoseria. Ci piacerebbe anche creare un settore giovanile, che quando c’è stato ha dato sempre buoni frutti.  Insomma, vogliamo rendere orgogliosi i nostri tifosi”.

Il mercato è chiuso?

“Potrebbero arrivare ancora due pedine negli ultimi giorni di mercato. L’organigramma vede aggiungersi il dirigente accompagnatore Bruno Pisano e  Michele Miraglia, che sarà il vicesegretario, con compiti di mercato come il sottoscritto. Davide Sonaglia sarà il viceallenatore”.

 

La Rocchettese  è quindi pronta a una stagione importante. C’è grande voglia di fare bene e di trasmettere il grande sentimento che anima la società a tutti i giocatori, i quali dovranno essere all’altezza di cotante aspettative tramutando questa energia positiva in punti. Prima del campionato, data ancora da definire, la squadra sarà impegnata in un triangolare al Comunale con la squadra dei dirigenti e quella dei tifosi. Sarà l’occasione per presentare a tutti la rosa.

 

 

 

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: