Economia

Cengio, Acna: Syndial ricorre al Tar

Syndial Servizi Ambientali, la società del gruppo Eni proprietaria delle aree ex Acna di Cengio, ha presentato ricorso al Tar avverso l’ordinanza emessa dalla provincia di Savona riguardante la potenziale contaminazione dell’“Area Merlo”, all’interno del perimetro dell’ex polo chimico valbormidese. Nell’ordinanza, emessa in base alla relazione inviata a Palazzo Nervi nell’ottobre del 2016 dall’agenzia regionale per l’ambiente Arpal, veniva richiesto a Syndial di assumere tutte le misure di prevenzione e di messa in sicurezza di emergenza necessarie, dopo che i controlli ambientali avevano rilevato nell’Area Merlo dei superamenti delle “concentrazioni soglia” di contaminazione nelle acque sotterranee per alcuni parametri, quali benzene e naftaline. Reagendo al ricorso della società controllata dall’Eni, nei giorni scorsi si è costituita in giudizio la Regione Liguria.

In seguito ai superamenti, Syndial aveva provveduto a sistemare nuovi misuratori, sia all’interno della stessa area, sia a valle, in zona Basso Piave che tuttavia avevano confermato, nel corso di ulteriori monitoraggi, la persistenza dei superamenti già rilevati, non solo nell’Area Merlo, ma anche nella zona Basso Piave. “La presenza di elevate concentrazioni di naftalensolfonici, antrachinosolfonici e simili – era la conclusione di Arpal – portano all’univoca individuazione della provenienza dei composti riscontrati presenti nell’Area Merlo: lo stabilimento Acna”.

La conseguente ordinanza cautelare di Palazzo Nervi era stata notificata, oltre che a Syndial, al Prefetto di Savona e al sindaco di Cengio. Inoltre era stata trasmessa alla presidenza del Consiglio, ai ministeri dell’Ambiente, della Salute e dello Sviluppo Economico, al presidente della Regione, al dipartimento Ambiente della Regione Liguria, al settore Protezione Civile ed Emergenza della Regione, all’Asl 2 Savonese, all’Arpal Savona e al dipartimento nazionale della Protezione Civile.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: