Attualità

Tutta la Regione per il “caregiver”

Approvato all’unanimità in Consiglio regionale l’Ordine del giorno del MoVimento 5 Stelle per il riconoscimento della figura del caregiver familiare.
“Si tratta di una prima, importante, vittoria, grazie a cui la Regione si è impegnata a sollecitare il Governo per sbloccare l’iter della Proposta di legge in Commissione Lavoro della Camera e, al tempo stesso, dare impulso a un’iniziativa legislativa regionale analoga, portando con urgenza il tema sul tavolo della Conferenza Stato-Regioni” è il commento di Andrea Melis, primo firmatario della mozione.
“Il voto di oggi rappresenta un passo cruciale per arrivare al pieno riconoscimento della figura del prestatore di cura familiare che, in virtù di un legame parentale, si prende cura gratuitamente , tra le pareti domestiche, di una persona cara non autosufficiente – prosegue il consigliere regionale – In una regione come la Liguria, dall’età media molto avanzata e con uno dei tassi più alti di patologie croniche come le demenze senili, il caregiver, se opportunamente supportato, può rappresentare un presidio chiave per le famiglie, sulla scia di regioni come Campania ed Emilia Romagna che hanno già colmato questa lacuna con atti regionali.”
“Tanto nel Piano demenze quanto nel Piano sanitario regionale si fa già riferimento al caregiver – ricorda Melis – Oggi è stato avviato un nuovo percorso che dovrebbe portare all’istituzionalizzazione di questa figura, per cui sono necessarie sia una legge statale che una legge regionale. Come M5S, monitoreremo, passo per passo, tutti i passaggi di questo iter, oltre ad essere propositivi. Ora ai voti e alle parole seguano impegni concreti.”

Come da noi già riferito, è stata approvata dal Consiglio Regionale, sempre nella giornata di ieri, sempre all’unanimità, anche la mozione Vaccarezzza-Muzio, di cui primo firmatario è appunto il capogruppo di Forza Italia in Consiglio Regionale, Angelo Vaccarezza, che richiede di accelerare il riconoscimento della figura del “Caregiver familiare”, facendo proprio il disegno di legge 2128 del Senato sulle “Norme per il riconoscimento e il sostegno del Caregiver Famigliare”.
ll termine anglosassone “caregiver“, come potremmo tradurre come “assistente familiare”, è entrato nell’uso comune e indica “colui che si prende cura”, riferendosi a tutti i familiari che assistono un loro congiunto ammalato e/o disabile.
I “caregiver” dei pazienti con demenza sono la grande maggioranza. Sono in genere donne (74%), di cui il 31% di età inferiore a 45 anni, il 38% di età compresa tra 46 e 60, il 18% tra 61 e 70 e ben il 13% oltre i 70.
I disegni di legge che sono stati presentati alla Camera ed al Senato contemplano il riconoscimento sociale di tale figura per agevolare, a chi è impegnato a rivestirla, “la conciliazione tra cura, impegni professionali, vita sociale e di relazione. Si parte da una lacuna legislativa che riguarda le donne” – on.Ignazio Angioni (Pd), primo firmatario della legge quadro -.
“Si tratta di riconoscere un ruolo e di fare rete tra i caregiver informali, cioè questi volontari domestici che sono per lo più donne, e i caregiver formali della rete di assistenza istituzionale. Di qui passa la riprogettazione delle politiche di welfare”.– Loredana Ligabue (Associazione Carer- Caregiver famigliari Emilia Romagna-).

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: