Attualità

Catalogna: domani lo storico referendum

Sarà una giornata storica per la Spagna e per il mondo intero. Domani, infatti, si svolgerà il referendum per l’indipendenza della Catalogna.

I catalani si sono da sempre sentiti un popolo, hanno spesso rivendicato il diritto all’autonomia e ci sono sempre stati movimenti a favore dell’indipendenza. Basta farsi un giro a Barcellona, per notare come tutte le scritte siano bilingue: spagnolo e catalano. A questo proposito, è importante sottolineare come il catalano non sia un dialetto o una variante dello spagnolo, come l’argentino per esempio, ma una lingua vera e propria. Proprio come il sardo. Una forte identità linguistica corrisponde a un forte senso di appartenenza e testimonia la volontà di affermare la propria indipendenza.

Ovviamente, il governo spagnolo, che sta tentando di minare lo svolgimento della votazione, si auspica che il referendum non porti alla scissione, in quanto la regione rappresenta una delle zone più ricche del Paese.

Il verdetto pare incerto: negli ultimi anni siamo stati abituati ai risultati più sorprendenti. Pochi avrebbero scommesso sulla Brexit e sulla vittoria di Donald Trump. E sulle ragione di tale verdetto mi sento di consigliare la lettura di Questa non è l’America di Alan Friedman . In un clima di profonda disaffezione nei confronti dei politici “mainstream” e con la crisi migratoria, il terrorismo e la difficile situazione economica che alimentano la narrativa dei partiti di estrema destra e dei “populisti”, termine sul quale si potrebbero versare fiumi di inchiostro, ci si sarebbe aspettato un successo di grande portata della frontista Marine Le Pen in Francia. Ma, in un mondo ormai diventato indecifrabile, i risultati d’oltralpe hanno dato ragione a Emmanuel Macron: europeista come pochi, vedere la cornice del suo “discorso del Louvre”, e la Marine nazionale è andata incontro a pesanti critiche anche dall’interno del suo partito.

Recentemente, si era votato in Scozia, dove il verdetto aveva sancito la volontà di rimanere sudditi di Elisabetta. Chissà cosa sarebbe successo, però, se il voto si fosse svolto dopo il fatidico 23 giugno. Probabilmente, ci sarebbe stato un risultato diverso, sebbene in questo pazzo mondo globalizzato, dove l’influenza fake news è sempre più evidente, ogni elezione è, per usare un termine calcistico, “da tripla”.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: