Attualità

Prima Categoria: mister Ghione parla del suo Celle capolista

La squadra protagonista delle prime due giornate del torneo di Prima Categoria è stata il Celle Ligure. La Dianese, dopo il match rinviato causa vento, è incappata nella sconfitta contro il Don Bosco Vallecrosia, lo Speranza è stato fermato dall’Aurora e la Veloce di Gerundo, rinfrancata dal netto tre a zero sul Quiliano&Valleggia, non se la stava passando bene in territorio imperiese nell’incontro non concluso per il vento.

I ragazzi di mister Ghione, invece, sono riusciti a fare bottino pieno in occasione delle prime due uscite stagionali, regolando la Letimbro tra le mura amiche e battendo il Bordighera in trasferta.

“Le prime uscite sono in linea con i programmi, sapevamo che per un gruppo forte, ma comunque in costruzione, ci sarebbe voluto un po’ di pazienza nel creare l’amalgama giusta. Abbiamo avuto la conferma sia con la Letimbro che con il Bordighera che non sarà un campionato affatto semplice”, commenta il mister a proposito delle prime due domeniche di ostilità.

Domani, all’ “Olmo-Ferro”, arriva una big come la Dianese di mister Sardo, che avrà sicuramente il dente avvelenato: “La gara di domani si prepara da sola, giochiamo un match affascinante contro una squadra forte, collaudata e con un mister molto preparato.Proveremo a mettere in campo il nostro calcio, convinti che il risultato si possa ottenere solo giocando una gara attenta, intensa e di qualità”.

Infine, mister Ghione ci parla di quello che lo appasiona di più, ovvero il lavoro sul campo, e delle differenze che possono esserci nel preparare una stagione dove l’obiettivo non è quello di salvarsi ma di disputare un torneo di vertice: “Per me, abituato a lottare per altri obiettivi, è una sfida importante. A livello di preparazione fisica abbiamo introdotto dei lavori con la palla ad alta intensità e partite a pressione sostituendo parte del lavoro a secco. Sotto l’aspetto tecnico-tattico, abbiamo lavorato tanto sui movimenti del singolo e della squadra in situazione di gioco. Ci tengo a sottolineare però che il calcio è un gioco semplice, dove l’occupazione degli spazi è determinante, siamo noi spesso a volerlo rendere complicato e poi c’è la qualità dei giocatori a fare la differenza, sono loro i veri protagonisti”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: