Attualità

Dominio Rosso, Marc ringrazia la pioggia

Grande doppietta ducati sotto la pioggia malese. Andrea Dovizioso vince e tiene aperto il mondiale, anche se arriverà all’ultima gara, a Valencia, con un distacco di 21 punti dal leader Marc Marquez, il quale è riuscito a limitare i danni chiudendo quarto. Completano il podio Jorge Lorenzo e Johann Zarco. I primi quattro sono andati in fuga fin da subito con in testa il francese, raggiunto e superato dalle due ducati a metà gara, anche causa del deterioramento della gomma morbida scelta da Zarco. Mentre Marquez continuava ad accusare secondi di ritardo, accontentandosi della quarta piazza, Lorenzo è andato in fuga, seguito a pochi decimi da Dovizioso. A sette giri dal termine, è arrivata a Lorenzo la comunicazione, attraverso un messaggio in codice (maping 8), di far passare il compagno di squadra. Due giri dopo lo spagnolo è arrivato lungo all’ultima curva ed ha dovuto lasciar passare Dovi, senza farlo di proposito. I due hanno tagliato il traguardo con un secondo l’uno dall’altro, senza darsi fastidio. Se senza quell’errore Lorenzo avrebbe lasciato passare l’altra Ducati non è dato sapere, ma comunque la vittoria di Andrea è stata fondamentale per tenere vivo il sogno Ducati. Problemi elettronici hanno costretto Danilo Petrucci (6°) a partire dal fondo. L’italiano avrebbe sicuramente potuto battagliare con i primi, con la possibilità di togliere altri punti a Marquez, il quale è stato baciato dalla buona sorte. Infatti, lo spagnolo ringrazia la pioggia, che ha messo in crisi le due Yamaha ufficiali di Valentino Rossi (7°), dotato di un gran passo gara sull’asciutto, e di Maverick Vinales (9°). In condizioni d’asciutto, molti piloti avrebbero potuto dare fastidio a Marquez, mentre Dovizioso avrebbe avuto buone di possibilità di vincere anche sull’asciutto. Per quanto riguarda gli altri piloti, il poleman Daniel Pedrosa chiude quinto, Jack Miller si conferma con l’ottavo posto, Pol Espargaro chiude la top ten.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: