Attualità

Classifica qualità ambientale: Savona scivola in classifica

Il 24° rapporto Ecosistema Urbano di Legambiente e Ambiente Italia ha incoronato la città di Mantova come regina dell’ambiente, seguita da Trento, Bolzano e Parma. L’indagine che si basa su 16 parametri divisi nelle macroaree Aria, Acqua, Rifiuti, Energie rinnovabili, Mobilità e Ambiente urbano ha preso in considerazione dati aggiornati in prevalenza al 2016. I punteggi di questa edizione sono stati influenzati sia da parametri nuovi sia dall’introduzione di bonus che premiano le realtà che hanno perseguito politiche innovative nel recupero e nella gestione delle acque, nella gestione dei rifiuti, nell’efficienza del trasporto pubblico e nella “nuova mobilità (più spostamenti in bicicletta e meno in auto). Con le modifiche introdotte, Savona, che era lo scorso anno nella top ten (al decimo posto), ha perso nove posizioni ed è ora al 19° posto, scavalcata anche da La Spezia (17°), mentre navigano molto più in basso Genova (74° posto) e Imperia (68°).

I 16 indicatori di Ecosistema Urbano (per un totale di circa 30 mila dati originali raccolti da Legambiente ed elaborati da Ambiente Italia) consentono di valutare tanto i fattori di pressione e la qualità delle componenti ambientali, quanto la capacità di risposta e di gestione ambientale delle amministrazioni comunali. Quest’anno è stato inserito per la prima volta un indicatore relativo alla presenza di alberi in area urbana: dato che tutti i comuni sopra i 15 mila abitanti sarebbero tenuti a contabilizzare. Molti, invece, (in tutto 40, tra le quali Savona) non sono ancora in grado di rispondere. Ad ogni modo, la media è di 18 alberi ogni 100 abitanti.

Savona ottiene le migliori performance nella mobilità, sia per l’elevato numero di utenti del trasporto pubblico locale (7° posto), sia per tasso di motorizzazione (13°) e per percorrenza annua in auto per abitante (5° posto nelle città di medie dimensioni). Bene anche la qualità dell’aria: 20° posto per le polveri sottili, 26° per biossido d’azoto e 44° per ozono (la graduatoria scorre dalle città con minore a quelle con maggiore concentrazione di inquinanti nell’aria). Non lusinghiera la classifica degli indicatori sui rifiuti: 62° posto per raccolta differenziata e 54° per produzione annua di rifiuti pro capite, 77° per depurazione idrica. Male anche gli indicatori “verdi”: 65° posto per disponibilità di aree pedonali, 71° per lunghezza delle piste ciclabili.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: