Attualità

Misericordia e famiglia

“Le differenze sono un arricchimento per tutti e banalizzare è un male”, ha dichiarato il sindaco di Albenga Giorgio Cangiano alla prima di una serie di conferenze aventi come tema la famiglia, la pace e l’integrazione, “e in questo contesto Albenga fa ricchezza perchè gli stranieri si integrano bene, in particolare nelle scuole. La parabola del Figliol Prodigo è attuale e dimostra che fare il primo passo è sempre importante perchè comporta la disponibilità a creare dialogo ed il più forte è quello che trova una soluzione con l’altro. I ragazzi in difficoltà devono farsi aiutare da persone che per loro sono un punto di riferimento e sono convinto che non bisogna mai giudicare gli altri ma occorre capire le diversità per vivere meglio”.
Dello stesso avviso Sua Eccellenza Monsignor Guglielmo Borghetti, vescovo della diocesi di Albenga-Imperia :”Questo è un tema complesso e l’erosione dell’empatia è la scienza del male perchè si fatica a cogliere l’altro ed il suo vissuto e chi abbiamo di fronte diventa una cosa. La sede della vera misericordia è l’utero materno ed il Signore è la prova misericordiosa per quelli che lo temono e sono convinto che il perdono sia il più alto dei doni”.
“Credo nel dialogo ed occorre un modello di cittadinanza e fratellanza per tutti”, ha evidenziato l’imam Yahya Pallavicini, presidente della COREIS (Comunità Religiosa Islamica Italiana) italiana, “e sono convinto che l’interrelazione va scoperta e qualificata. Il termine caritas si riferisce alla gratuità ed alla disposizione all’apertura verso gli altri che va oltre il dialogo. La misericordia appartiene a Dio e farsi giustizia da sè è un’autorità malriposta e la mancanza di misericordia non va bene per Dio. La famiglia è la specificità che ci distingue come cognome ed è importante capire come come le famiglie possono determinare la misericordia. Ognuno di noi, quando vive con il coniuge, ripristina la relazione di Adamo ed Eva e Dio ci crea vere attrazioni e bisogna vivere a pieno la famiglia per vivere la misericordia ed il suo miracolo. Per l’Islam il divorzio è la cosa meno gradita a Dio perchè rompe la trasmissione del bene e la rottura crea il male che in seguito si diffonde. La famiglia unita è il grande miracolo che va al di là dei membri della stessa ed è la continuità della vita sulla Terra, ma senza di essa non vi è più misericordia di Dio. La famiglia di Abramo unisce cristiani, ebrei e musulmani perchè, con la sua famiglia, ha generato queste tre fedi con una stessa famiglia spirituale. Per il Corano Maria è un’eletta tra le donne che genere virginalmente lo strumento della vitalità spirituale e la scoperta della famigliarità spirituale è importante tra le persone che ricordano Dio e voglio ricordare che per l’Islam Gesù tornerà alla fine dei tempi mentre per gli ebrei deve ancora arrivare”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: