Cultura e Musica

Sabato si conclude la mostra “Elogio alla follia”

A conclusione della mostra delle opere di Elde e Saba Telli, “Elogio alla follia”, sabato 25 novembre Samuela e Veronica Bussetti, accompagnate dal clarinetto di Monica Firpo rappresenteranno con il linguaggio del corpo la dicotomia tra essere se stessi oppure apparire come vogliono gli altri: il linguaggio pittorico di Elde e Saba Telli introducono e sollecitano le domande sul meglio essere o apparire. Ma se alla rappresentazione grafico-pittorica si sommano una rappresentazione fisica e un frasario musicale di questo sottile diaframma che obbliga ciascuno di vivere tra reale vero e realtà inventata, potremmo raggiungere una maggiore consapevolezza del dramma dell’uomo moderno che i due Artisti in quanto tali hanno preannunciato da tempo con incisività e sicurezza di scrittura, tanto più con il loro forte cromatismo e spessore dei tratti. Bisogna avere il coraggio di scegliere : questo il messaggio che si cela nella parola “Madness” della rappresentazione, volutamente in lingua straniera perché anche nella pronuncia ha un’incisività maggiore della nostra “ morbida “ parola, forse anche ironica ormai, pazzia. Molto del nostro buon equilibrio pscofisico dobbiamo alle arti e quando si possono o mettere a confronto o amalgamare con una unica finalità suscitando sensazioni attraverso quasi tutti i nostri sensi riescono a sciogliere quei nodi che avviluppano e stringono il pensiero e con esso l’anima. Gli antichi filosi ci insegnano che la finzione scenica provoca il disciogliersi di quei nodi che ci avviluppano e ci soffocherebbero se non ci fossero le alchimie dell’arte che appaga il desiderio del bello, dell’armonia e offre i mezzi per superare il dramma o gli eventi fastidiosi che sperimentiamo nel quotidiano facendoli sciogliere in una finzione che sembra reale, riuscendo ad allentare la stretta e quasi a dimenticarli.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: