Attualità

Union Riviera Rugby under 16: sconfitta in casa, ma il futuro c’è

Nella domenica del triplo impegno della Union con tre avversari diversi, l’esordio è per la under 16 della trimurti Perrone / Trucco / Nesta. Di fronte un Recco-Spezia che ha molto del gioco e della sapienza tattica di Recco, peraltro scuola impegnata in categoria a vari livelli. E soprattutto un Recco-Spezia che ha saputo meglio interpretare la partita sfruttando al massimo anche la minima imprecisione dei corsari. Gli ospiti levantini rompono il ghiaccio con una meta non trasformata, ma la reazione della Union è interessante. Cutrì, uno degli innesti dei Salesiani Vallecrosia, ha il fisico per farsi notare e rompe sempre il primo placcaggio da primo centro, però il pallone non arriva poi in modo fluido al largo. In ogni caso la pressione produce i suoi frutti con la meta più bella della partita, quando un calcetto tattico mette in ambasce un paio di avversari sulla destra e, da estremo di classe, La Rosa raccoglie al volo e se ne va al centro dell’area di meta, per una facile trasformazione. E davvero La Rosa, più convinto, può essere uomo in più della squadra, che con l’uomo in più si ritrova a breve a causa di fallo invero inopinato dei levantini, che hanno giocato con assoluta animosità. Un fallo grave, che costringe al cambio la Union. Ed è un cambio importante, perché esce il mediano di mischia Campanini e il piano di gioco non apparirà più così bene congegnato. Con l’uomo in più, di fatto, i corsari non sanno approfittare della situazione, sbagliando calci di punizione o di spostamento. E il Recco- Spezia se ne va in meta di nuovo. Nel secondo tempo, quando gli ospiti si rimettono a pressare fin dal primo minuto, ne esce un Luglia imprendibile sulla fascia destra. Corri corri, si fa tutto il campo vanamente inseguito. La Rosa trasforma, si è in parità e tutto sommato il match si fa abbordabile. Da questo punto in avanti però i levantini si piazzano in modo piuttosto stabile nella metà campo corsara e i padroni di casa non riescono a venirne a capo. Gli errori di gioco alla mano ci sono, da entrambe le parti, ma il cinismo dei levantini ha la meglio prima vincendo una mischia da posizione vantaggiosa e poi profittando di un errore di passaggio della Union già votata all’attacco per una terza reazione. Saranno due mete: due mete che i corsari non sapranno ribaltare, due mete che in qualche modo tagliano le gambe. Il Recco subisce per alcuni minuti, ma sa liberare e si finisce su di un 12-24, da mettersi in discussione per il ritorno. Si esprime così il tecnico Perrone: “Oggi ho visto un’altra squadra rispetto alla sconfitta di Genova, tenendo conto che avevamo di fronte una scuola di livello come quella del Recco. Ho visto cose positive, come la doppia reazione alle mete avversarie, una difesa che non ha fatto dilagare gli avversari. C’è molto lavoro da fare però: dobbiamo correggere errori, dobbiamo giocare meglio le fasi statiche, dalla touche alla mischia, bisogna adattarsi a giocare al piede. Indubbiamente l’infortunio al mediano di mischia ci ha tarpato le ali, abbiamo fantasia e potenza in attacco, ma i meccanismi di trasmissione della palla vanno oliati e poi dobbiamo riuscire ad avere la palla in mano in modo maggiore, conquistandola con sicurezza. Sono in ogni caso contento, i ragazzi lo sanno e sanno che si devono impegnare, è la lezione di tutti i giorni, in campo e fuori”.

Union Riviera Rugby in campo con:

Lucci, Maggioli, Ferrari; Zambruno, Vuerich; Qarri, Ranise, Fre Marin; Campanini, Ardoino, Binelli, Cutrì, Luglia, Riano, La Rosa e a disposizione Geloso, Cutrì (classe 2003), Tornatore, Siciliano Pietro, Siciliano Walter, Raineri. Tecnici: Flavio Perrone, Enrico Abbo, Donato Nesta.

UNDER 16 TERRITORIALE I FASE (II GIORNATA/ANDATA)

Union Riviera – FTGI ReccoSpezia 12/24

Savona – Amatori Genova 35/16

Province dell’Ovest – CUS Genova 12/39

CLASSIFICA: CUS Genova e FTGI ReccoSpezia punti 10, Amatori Genova e Savona 5, Province dell’Ovest 4, Union Riviera 0.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: