AttualitàCronacaCultura e Musica

Il valore di un Ricordo

OPERA "IL VALORE DI UN RICORDO" di Cinzia Astali e Paolo Giallombardo

 di Redazione 

Ecco il testo critico dello studioso Dott. Federico Marzinot.

“IL VALORE DI UN RICORDO”

locandina

“Il valore di un Ricordo” é il titolo d’un grande tondo in ceramica, evocante con i suoi personaggi la tragica vicenda della gloriosa Divisione “Acqui” a Cefalonia ed a Corfù, nel settembre 1943. Esso viene presentato oggi a Monastero Bormida in un evento dedicato ai Caduti della “Acqui” ed ai Caduti di tutte le guerra, a cura dell’Amministrazione comunale e del “Centro XXV Aprile”, con sedi a Savona, Albisola e Bubbio.

L’opera é stata  realizzata dall’artista-ceramista Paolo Giallombardo  e dalla sua assistente Cinzia Astaldi, entrambi di Albisola, su invito del “Centro XXV Aprile”. Essi l’hanno donata al Comune di Monastero Bormida.

La scelta della ceramica per un omaggio ai Caduti della Divisione “Acqui” trae origine dall’antico rapporto tra la Valbormida e la riviera ligure, caratterizzato nel recente passato da numerosi episodi della Resistenza  e poi anche dalla cultura, con eventi quali, dal 2013,  la rassegna multiculturale “Dal mare alle Langhe”, promossa anch’essa dal “Centro XXV Aprile”, dov’era spesso presente la ceramica, ed altre mostre d’arte.

L’invito all’artista-ceramista Giallombardo trae, a sua volta, origine dalla realizzazione da parte sua, nel 2016, sempre con l’assistenza della nipote Cinzia Astaldi, del monumento in ceramica dedicato ai Caduti in Russia della gloriosa Divisione Alpina “Cuneense”, che sorge ad Albissola Marina, per iniziativa della Associazione Nazionale Alpini, Sezione di Savona, Gruppo delle Albisole, in sostituzione di quello, sempre in ceramica, realizzato negli anni ’60 del secolo scorso dall’artista ceramista albisolese Torido Mazzotti e andato poi distrutto.

Per “Il valore di un Ricordo” Paolo Giallombardo e Cinzia Astaldi si sono ispirati al bozzetto intitolato “Ai Caduti della Divisione “Acqui” dell’artista piemontese Claudio Zunino, di Olbicella

Una delle targhe poste alla base dell’opera ricorda, a tal proposto, i nomi dei Caduti soldato Ottavio Ferraris, classe 1923, di Monastero Bormida, e  soldato Enrico Saettone, classe 1924, di Albisola Superiore, entrambi appartenenti al 18° Reggimento Fanteria della Divisione “Acqui”, allora dislocato a Corfù.

Gli artisti-ceramisti di Albisola hanno raffigurato in rilievo, su un grande tondo in terra semi-refrattaria, una donna – la Madre, la Patria – che sorregge, con composto, dignitoso dolore, il corpo esanime, dalle occhiaie vuote, d’un Caduto e la figura d’un ufficiale con lo sguardo rivolto verso il cielo, a significare la speranza d’una riscossa dell’Italia attraverso la Resistenza, che ebbe appunto uno dei suoi primi momenti a Cefalonia ed a Corfù.

L’opera “Il valore di un Ricordo” evoca pure, idealmente, la figura e la vicenda dei componenti delle altre espressioni delle Forze Armate italiane allora presenti a Cefalonia ed a Corfù accanto alla Divisione “Acqui”: dal 49° reggimento della brigata “Parma” alla Marina Militare, ai Carabinieri, alla Guardia di Finanza, alla Sanità, ai cappellani militari, alle suore infermiere.

OPERA “IL VALORE DI UN RICORDO” di Cinzia Astali e Paolo Giallombardo

Dal punto di vista tecnico l’opera “Il valore di un Ricordo” mostra coaguli materici e cromatici, frutto di riuscite fusioni, che danno evidenza ai volumi delle figure. Rivestite con smalti verdi e grigi, che danno risalto alle file dei bottoni delle divise ed alle giberne dell’ufficiale, queste vengono proposte con un segno volutamente scarno e realistico, pervaso d’una aspra poesia. Il dramma di quei giorni lo si legge nel ritmo serrato della composizione dell’opera.

In gioventù, ad Albisola, Paolo Giallombardo ha – come si usa dire – fatto ceramica, spronato dal

grande artista-ceramista Eliseo Salino, suo primo maestro; di quel tempo egli conserva tuttora la grande amicizia con Giovanni Poggi, titolare delle “Ceramiche San Giorgio”, e con i Mazzotti. Negli anni Cinquanta-Sessanta, sempre ad Albisola, Giallombardo ha avuto un fecondo rapporto ceramico pure con “Virio da Savona” (il veronese Vittorio Agamennone), con il fiorentino Becheroni e con tanti altri artisti e ceramisti..

L’impegno imprenditoriale, per ragioni familiari, nell’edilizia ha distolto per decenni Giallombardo dalla ceramica. Questa vocazione si é poi rifatta presente pochi anni orsono e da allora l’artista le dà spazio interamente. E’ del 2010 la sua prima mostra, assieme all’amico Giorgio Venturino, intitolata “Arte con…creta”, al “Circolo degli Artisti”, ad Albissola Marina. Da allora gli uccelli, gli animali da cortile, i personaggi del Presepe, nei quali rivivono i ricordi della sua infanzia, sono alcuni dei soggetti preferiti da Giallombardo. Nella sua creatività, assieme al ricordo ed al figurativo, c’é spazio pure per l’astratto, con la realizzazione di piastre in ceramica evocatrici d’un proprio universo.

 

Il tema del Natale era presente nel dicembre del 2010 nella mostra di Giallombardo assieme ad Aurelia Trapani, intitolata  “Natale a porte aperte nella Cappella Sistina”, a Savona, e nell’anno successivo, sempre con Trapani, nella mostra “Un Presepe in piscina”, presso la piscina comunale dedicata a Paolo Zanelli. Nel 2012, in occasione dei Giochi Olimpici di Londra, Giallombardo é stato presente nella “Casa Italia” del CONI, assieme alle ceramiche di altri artisti italiani, con un grande pannello policromo, in terra refrattaria, decorato con smalti a gran fuoco, intitolato “Quando lo sport diventa arte”, realizzato presso lo “Studio Ernan”, di Albisola Superiore, anch’esso riferimento amico per Giallombardo.  In quella iniziativa fu presente pure Lelio Speranza, allora Presidente del Comitato provinciale del CONI, e promotore, successivamente, dell’evento oggi in corso a Monastero Bormida, ricordato in una delle targhe sopra menzionate. Nel dicembre 2014 Giallombardo donerà ai rappresentanti a Savona di tutte le Forze dell’Ordine delle sfere in ceramica contenenti una raffigurazione della Natività ed alla Cappella Sistina un grande Presepe, in terracotta smaltata, visibile da allora ogni anno in tale ambiente da dicembre sino a febbraio. E’ poi del 2016, oltre al sopra citato monumento di Albisola agli alpini della “Cuneense”, un grande Presepe donato alla Prefettura di Savona, da esporre nel suo atrio.

Da alcuni anni assiste sempre più Giallombardo nelle sue opere la nipote Cinzia Astaldi. Creatrice da tempo di gioielli in ceramica, essa é presente nel laboratorio dello zio con importanti interventi nella foggiatura degli involucri in ceramica dentro ai quali situare le statuine del Presepe,  nella finitura dei personaggi abbozzati da Giallombardo, nella cura delle fusioni e nella ricerca di nuovi effetti cromatici, in vista anche d’una sua prima mostra personale.

 

Federico Marzinot

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: