Attualità

Non sarà un’avventura. L’Italia fuori dal mondiale. Non succedeva dal 1958

Italy's coach Giampiero Ventura looks on before the FIFA World Cup 2018 qualification football match between Italy and Albania on March 24, 2017 at Renzo Barbera stadium in Palermo. / AFP PHOTO / ALBERTO PIZZOLI (Photo credit should read ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)

Dai mondiali di Svezia, alla Svezia. L’Italia esce sconfitta dal doppio confronto con gli scandinavi e non stacca il pass per il Mondiale di Russia.

La gara. San Siro si rivela un catino emozionale ideale per spingere gli azzurri, obbligati a ribaltare l’1 a 0 dell’andata. Fischiato l’inno svedese, cosa sempre riprovevole ma, in fondo, le cose gravi sono altre. L’inno di Mameli condito dal “poporopopo” dei mondiali 2006 è da brividi. Si parte. Immobile lanciandosi alla disperata per recuperare un pallone sul fondo dell’area svedese fa subito capire l’atteggiamento dell’Italia. Gli uomini di Ventura cominciano a tessere la trama con pazienza, cambiando il gioco da Candreva a Darmian con frequenza cercando di sbilanciare la coriacea retroguardia svedese. Un monologo che si ripeterà per tutta la partita. L’Italia è sempre lì. Il goal è nell’aria. Ma non arriva. Passano i minuti. Sempre 0 a 0. La Svezia si salva spesso fortunosamente. “Gara maledetta”, si dice per provare a esorcizzarla. Purtroppo lo è davvero. Il tempo scorre inesorabile. Ogni cross viene spazzato via dagli spilungoni biondi di Jan Andersson. Una gara commovente quella degli azzurri, diventati una cosa sola con i giovani raccattapalle, anche loro parte attiva delle trame di gioco e con una nazione intera. Tutti con il fiato sospeso. Anche quando Buffon sale due volte in area. Si spera in un suo goal, non in una sua parata. Alla fine, l’arbitro fischia. Loro festeggiano. Siamo fuori.

Ventura. Prima di essere giocatori o allenatori, si è uomini. Ricordiamocelo. E il dramma di Ventura uomo merita rispetto. Un allenatore ormai anziano, sempre abile a far giocare bene le sue squadre. La Tv belga lo ha inquadrato ogni cinque minuti. Il suo volto, il suo modo di muoversi, o meglio di non muoversi, sono stati un quadro straziante. Ha incarnato un popolo calciofilo intero. Tutte le nostre tensioni erano riassunte e amplificate nella sua persona. Su di lui la mannaia della storia, pronta, con il suo inchiostro indelebile, a scrivere il suo nome tra quelli degli antieroi nazionali. Così è stato. Mister “libidine” è stato cancellato. Non si può provare rabbia contro di lui (e per lo sport in generale) ma solo ammirazione per un uomo che, seppur con molti errori, ha dato tutto se stesso per la causa. In fondo, con la Spagna nel girone lo spareggio era quasi una certezza e nella doppia gara può succedere di tutto. Su di lui, si abbatterà la gogna mediatica dei giornalisti che lo criticheranno aspramente per non essersi presentato in conferenza stampa. Purtroppo, nel mondo di oggi dove tutti dicono la loro, il silenzio ha perso valore. Dopo grandi delusioni non si ha voglia di parlare, di spiegare. Ricordiamoci di quella volta che tutti noi abbiamo fallito. Chi aveva voglia di rispondere alle domande? Sì, certo, potremmo argomentare che essendo personaggi pubblici si ha il dovere di parlare con la stampa. Ventura l’ha fatto, scegliendo il rumore del silenzio per trasmettere il suo sconforto.

Che fare ora? Non c’era bisogno di un’eliminazione dal mondiale per capire il declino del calcio dello stivale. Basta guardare quanti sono (e quanti anni hanno) gli italiani titolari nelle prime cinque squadre in classifica. Primavere imbottite di stranieri e squadre di serie A che pescano in tutto il mondo giocatori mediocri al posto di valorizzare i prodotti del vivaio non aiutano il movimento. Ci vuole un modello diverso e bisogna trovarlo in fretta.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: