PersonaggiRubriche

Italo Balbo: uomo o gerarca

Nasce a Ferrara il 6/6/1896, figlio di maestri, ha una intelligenza superiore,ma poco incline alla vita scolastica anche se raggiungerà il diploma, è un Repubblicano in contrasto con i genitori Monarchici E’ stato uno degli uomini più importanti e determinanti del suo tempo Quadrimviro nella marcia su Roma, comandante della Milizia, Ministro dell’Aeronautica, effettuò crociere transatlatiche, governatore della Libia. Non era uno fascista, ma uno spirito battagliero,si metteva in gioco,aveva le sue idee è un artefice della Storia, un cavaliere del cielo,un pioniere dell’aria Celebre la sua frase “Mi ritengo da nulla si mi considero,ma da molto se mi paragono” Ha gettato le basi dell’Aeronautica non è apologia politica ma la Storia di un uomo che entrò anche in conflitto con Mussolini, fino ad autoesiliarsi in Libia Noto il motto di stile D’Annunziano fatto scrivere nel androne del Ministero dell’Aeronautica “Chi vale vola,chi non vola è un vile” A 15 anni,si arruola agli ordini del figlio di Garibaldi per liberare l’Albania dai Turchi,sarà arrestato e rinviato a casa per l’età. Nel 1914 a 18anni è un interventista, a Milano incontra Mussolini, stavolta si arruola negli Alpini, partecipa ad una guerra dura di trincea, riceverà anche 3medaglie (argento e bronzo) al valore, sul Monte Grappa Tornato a casa si laurea in Scienze Politiche E’ vicino all’area socialista di Marinetti,poi aderisce al Fascismo Nel 1922, Balbo 26anni è un quadrumviro, partecipa alla marcia su Roma e diventerà membrod el Gran Consiglio e comandante della Milizia (camice nere) Si dedica anche al giornalsimo fonda l’Alpino nel 23, il Corriere Padano nel 24. Si sposa con la contessina Florio pur contrario il padre di lei La Milizia uccide don Minzoni, ma lui sarà giudicato estraneo ai fatti e prosciolto in ben due processi diversi Nel 25 diventa sottosegretario all’economia, dirà “mi sento come un davolo in un convento”,ma di lì a poco passarà Ministro della Aviazione. Si troverà a suo agio e fonderà l’Aeronautica, lui stess oprende il brevetto di pilota,fonda a Guidonia “la città dell’aria” , una Scuola di Velocità sul Garda utilizzando l’idroscalo di D’Annunzio e da avvio alle crciere aeree, sport di squadra, in formazione (Piacere Tricolore), Sport e Efficienza aerea, già pensa alle trasvolate Nel 28 con 61 velivoli parte per Francia e Spagna con sosta ogni 400/500 Km, poi vola verso Est con 35 velivoli Taranto,Atele, Istanbul,Odessa, Costanza. Dopo tanto successo e applausi, non pago programma subito due transvolate atlantiche.Fa preparare velivoli capaci di ammarrare per rofornirsi di combustibile Il 17 dicembre1930 parte con 30 velivoli per atterrare in Brasile il 15 gennaio 1931 La 2a transvolata parte il 1 luglio per Chicago, arriva 12 agosto 1933 Successo stampa e pubblico oltre giorrnali italiani finisce sul Time Mussolini usa l’eco, ma è geloso della fama e nel 1934 lo invia Governatore in Libia (Promoveatur ut amoveatur) promosso ma spostato Da vecchio soldato malvolentieri obbedisce Si mette al lavoro dà impulso a colonizzazione,integrezione, pacificazione Cura agricoltura, ospedali, scuole, strade(la costiera che unisce Egitto, Libia, Tunisia) ancora oggi si chiama “Balbia”, dà cittadinanza italiana ai Libici, ma non dimentica l’aeronautica e crea “i fanti dell’aria” diventerà il corpo dei Paracadutisti Nel1939 pur lontano sente il dovere di invitare Mussolini ad allontanarsi da Hitler, notizie avute dall’amico Sindaco ebreo di Ferrara. “Entrare in guerra sarà una tragedia, saremo sconfitti, cadrà Monarchia perderemo colonie e saremo fortunati se l’Italia resterà unita. Come molti non ascoltato, rientra in Libia.Durante la guerra in un attacco Inglese, dopo una ricognizione sul nemico, mentre sta per atterrare a Tobruc, il suo aereo viene colpito dalla contrarea Italiana,precipita La sua morte crea cordoglio in tutto il mondo. I nemici Inglesi lanciano una corona di alloro sul punto dove precipitò, Chicago gli intitolò una strada Gli Indiani d’America lo nominarono “Aquila Volante” Mussolini nel commemoralo dirà “Un Eroe, unico capace di uccidermi” La moglie invoca il complotto politico, Ipotesi di omicidio, poi scartata ,ma qualche legittimo dubbio restò. Certamente morì come era vissuto,e forse anche lui l’avrebbe scelta così, Volando.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: