Attualità

Il Comune di Vado incassa la metà con gli incassi dei servizi gestiti

Nel 2018 i costi dei servizi a domanda individuale gestiti dal Comune di Vado Ligure saranno coperti per metà (50,17%) dai “ticket” (tariffe o contribuzioni) a carico dei privati che ne usufruiscono. Si tratta di una percentuale elevata, se si tiene conto che il limite minimo di copertura stabilito per i comuni “strutturalmente deficitari” (tra i quali comunque non rientra Vado) è pari al 36%. I servii pubblici erogati ai privati variano da comune a comune, sono di natura diversificata (si va dagli asili nido all’illuminazione votiva) e il grado di copertura è estremamente dilatato, andando praticamente dallo zero al 100 per cento e oltre.

A Vado Ligure il minimo è rappresentato dal Museo di Villa Groppallo, dove a fronte di presunti incassi per 100 euro se ne dovranno spendere 23.300 per la gestione (grado di copertura 0,43%). Seguono le rette dell’asilo nido, dove ad incassi stimati in 79.500 euro corrispondono costi per 274.600 euro (copertura 28,95%) e il servizio di refezione, sempre per l’asilo nido, con entrate per 19.500 euro e spese per 44.318 (copertura 44%). Anche l’attività del Centro Estivo è in forte perdita per il Comune (40 mila euro di entrate e 95 mila di uscite) con un grado di copertura pari al 42%.

Per il servizio di refezione scolastica si stimano entrate per 160 mila euro a fronte di 212 mila euro di costi (75,4% di copertura), mentre decisamente più sostenibili sono le attività di Uni Sabazia (13.500 euro di entrate e 13.300 di spese) con copertura totale dei costi. Ugualmente “in attivo” per il Comune sono il servizio di illuminazione votiva (7.500 euro incassati, 7.518 di spese) e la gestione dell’approdo turistico, con 15.200 euro di entrate che eguagliano i 15.267 euro di costi. Infine il “gioiellino di famiglia”, che per il Comune vadese è rappresentato dai proventi del parcheggio di via XXV Aprile: gestirlo costerà in un anno 3.072 euro, ma i ricavi voleranno a 10 mila euro, con un grado di copertura che, a volerlo calcolare, è pari al 325,5 per cento.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: