Attualità

Morto Don Bof, maestro di religione

Non si saprebbe come meglio definire Don Giampiero Bof, insegnante e teologo, oggi scomparso ad 83 anni,e chi,come lo scrivente, frequentò il Liceo Chiabrera negli anni 1970, se lo ricorda bene.L’aria era del prete po’ ribelle,mai con l’abito ecclesiastico, sempre in “borghese”: come tanti presbiteri che,venti o trent’anni dopo,peraltro, sarebbe stato comune vedere; spesso “fuori dalle righe” rispetto a come ci si sarebbe aspettati dalle parole di un sacerdote cattolico! Negli ultimi anni canonico in Duomo, rientrato pienamente nei ranghi, che in realtà mai abbandonò,da cui, semmai, qualcuno pensò che deviasse ,ma la sua era la tipica posizione del “prete postconciliare”, a volte critico se non dissenziente, ma mai dubitante, aperto al laicismo, ma rimanendo “prete”…

Figura tormentata Don Bof, comunque e sempre, tormentata dal dubbio che fa riflettere, da problematiche sempre emergenti: al di là del suo viso sempre sorridente, dei suoi modi cordiali, dello sportivo che pure era, della sua grande, vivida intelligenza. Don Bof aveva il dono della favella, della dialettica, della capacità di dimostrazioni ardite e sorprendenti e ricordo, una volta, con quale  passione e con quale efficacia argomentò, senza prendere una posizione, o manifestarla, come il marxismo, nel senso della dottrina pura di Marx, potesse, in definitiva, non essere in contrasto con l’essere cristiani…

Con Don Bof si poteva parlare di qualunque cosa e, spesso, durante le lezioni di religione si trattavano disparati argomenti, senza che la sua materia venisse accantonata, ma si parlava di attualità, di politica, di scuola, di storia, anche di musica, di cui era un grande conoscitore ed appassionato e bravo esecutore, all’organo…e così ce lo vogliamo ricordare: affabile, sempre con la risposta pronta, di una simpatia innata pur se, a volte, potesse apparire ostico se non duro. Abbiamo appreso che ha affrontato con coraggio l’ultima prova della vita: una lunga malattia; ma ha vinto lui!

Riportiamo, anche noi, la nota della Diocesi di Savona:

La Diocesi di Savona-Noli, ma anche il mondo della cultura savonese piangono la scomparsa di don Giampiero Bof, 83 anni, che ha terminato la sua vita terrena poche ore fa, questa mattina, nella casa di una delle sue due sorelle, Alba, a Cogoleto. E proprio a Cogoleto il sacerdote era nato il 3 giugno del 1934. Ordinato, diacono il 29 giugno del 1958 e presbitero il 20 settembre dello stesso anno, fra i primissimi incarichi ebbe quello di insegnante nel seminario vescovile e di viceparroco in san Giovanni Battista a Savona. Negli anni successivi fu in appoggio anche ad altre comunità della diocesi: nel 1960 a Valleggia (vicario cooperatore), nel 1961 a Cogoleto e quindi nel 1965 a Perti (collaboratore). All’inizio del 1967 fu esaminatore sinodale e sempre in quell’anno fu assegnato alla giovane parrocchia di san Paolo nell’Oltreletimbro dove fu vicario sostituto e poi coadiutore. Dotato di grande personalità, nei primi anni ’70, per incomprensioni con l’allora vescovo Giovanni Battista Parodi, don Giampiero cessò la sua attività di insegnamento nella nostra diocesi. Attività che comunque proseguì proficuamente in altre realtà prestigiose: fu ad esempio docente di storia del pensiero teologico presso l’Istituto di scienze religiose “Italo Mancini” di Urbino. A Savona, comunque, non interruppe mai il suo lavoro di promozione culturale e teologica specie nella comunità di san Raffaele al porto guidata dall’amico don Mario Genta: un percorso di incontri divenuto celebre in città e proseguito per lungo tempo. Dagli Anni ’80 ci fu un totale riavvicinamento alla Diocesi specie grazie al vescovo Giulio Sanguineti e ai suoi successori, tanto che don Bof andò a ricoprire incarichi molto importanti: fu infatti membro del consiglio presbiterale, delegato diocesano per l’ecumenismo, editorialista de Il Letimbro e, più di recente, guida del Capitolo dei canonici della Cattedrale. Intellettuale sempre aperto al confronto, don Giampiero è stato fino all’ultimo un grande stimolo per il mondo ecclesiale, ma non solo: da menzionare sono infatti le innumerevoli occasioni di incontro con gli appartenenti ad altre fedi o con i non credenti. Da ricordare, ovviamente, anche le sue numerose pubblicazioni, soprattutto saggi a carattere teologico. Per questa sua attività, per i suoi meriti culturali e di studio, nell’aprile 2002, fu insignito dell’onorificenza di commendatore – ordine al merito della Repubblica italiana. Cantore in gioventù e musicista, celebrò la Messa con i cori diocesani nel Convegno del 31 maggio 2015 in Cattedrale.
I funerali di don Bof, presieduti dal vescovo Calogero Marino, saranno celebrati sabato prossimo 2 dicembre alle 11 nella chiesa di santa Maria Maggiore nella “sua” Cogoleto.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: