Attualità

Nella battaglia del ponte il Comune di Sassello sconfitto da Palazzo Nervi

La Provincia di Savona, oberata di incombenze viarie e senza soldi per affrontarle, non sarà costretta ad eseguire “entro 30 giorni” i lavori di messa in sicurezza del ponte dell’Orbarina, nel comune di Sassello. La prima sezione del Tar Liguria ha accolto il ricorso presentato da Palazzo Nervi contro l’ordinanza emessa dal sindaco di Sassello che intimava alla Provincia, proprietaria del ponte al km 0+222 della strada Urbe – Piampaludo di eseguire opere urgenti sulla struttura, da tempo bisognosa di lavori di ristrutturazione. L’Amministrazione provinciale, in attesa di trovare le risorse finanziarie necessarie alla manutenzione della rete viaria, si era limitata ad imporre dei limiti di transito sul ponte. Di qui l’ordinanza del Comune di Sassello che, definendo “gravose” le limitazioni, soprattutto per i mezzi agricoli e commerciali, e lamentando danni alle attività economiche e alla libera circolazione, ingiungeva a Palazzo Nervi di mettere in cantiere i lavori, concedendo un mese di tempo. In caso contrario il Comune avrebbe provveduto con proprie risorse a mettere in sicurezza il ponte, addebitando naturalmente il conto alla Provincia.

Quest’ultima si era subito opposta, chiedendo al Tar prima di sospendere e poi di annullare l’ordinanza. L’impugnazione era motivata dal fatto che non esisteva una situazione di “pericolo grave ed imminente di un danno alla pubblica incolumità” (presupposto per giustificare l’emissione di un atto “eccezionale” da parte del sindaco). Tesi accolta dalla sentenza dei giudici amministrativi, che hanno osservato come dalla stessa ordinanza emerge che già in passato vi erano lamentele per lo scarso stato di manutenzione dell’infrastruttura, tanto che la Provincia aveva da tempo previsto di disciplinare il traffico a senso unico alternato.

Conseguentemente, l’eventuale danno lamentato dal comune di Sassello avrebbe dovuto essere ovviato con gli strumenti ordinari previsti dalla legge, e non già facendo ricorso ad un’ordinanza. E fondata è stata ritenuta anche l’osservazione della Provincia riguardo al fatto che la legge ammette l’adozione di atti eccezionali “solo per ovviare a situazioni urgenti relative alla sicurezza pubblica, mentre la motivazione dell’ordinanza ha riguardo soprattutto alle esigenze economiche delle aree che soffrono per le difficoltà viarie sul ponte”.

Il ricorso di palazzo Nervi è stato quindi accolto e il Comune di Sassello, quale ulteriore conseguenza, dovrà pagare alla Provincia mille euro di spese giudiziarie. Salvo la possibilità di provare a ribaltare il verdetto davanti al Consiglio di Stato. Ma a quel punto le spese da sostenere, per tutte le partiti, probabilmente supererebbero i costi della ristrutturazione del ponte. Paradossi che in Italia sono all’ordine del giorno.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: