Attualità

Turismo d’autunno: tira o no?

Ancora un segno meno nel bilancio turistico della provincia di Savona. Il dato dell’Osservatorio Regionale riguarda ottobre, con poco più di 70 mila arrivi, in calo dell’-1,70% rispetto all’ottobre del 2016 e una più lieve perdita in termini di presenze (circa 230 mila, -0,19%). Si conferma quindi un trend decrescente, che ha avuto inizio nel mese di luglio dopo una prima parte dell’anno ampiamente positiva. Il consuntivo dei primi 10 mesi dell’anno resta ancora positivo, sia per gli arrivi (+2,54%) sia per le presenze (+1,07%). Ma l’andamento degli ultimi mesi ha lasciato un segno di incertezza e gli addetti ai lavori manifestano preoccupazioni per il futuro, non escludendo i dubbi che sul sul comparto ricettivo stende l’ombra  della tassa di soggiorno, che molti comuni della Riviera, alla fine, intendono introdurre per il 2018.

E’ interessante rilevare che la provincia di Savona è l’unica, in Liguria, a registrare dei dati negativi negli ultimi mesi. A ottobre, infatti, le presenze in provincia di Genova sono aumentate del 4,88%, a Imperia del 2,48% e a La Spezia dell’1,24%, allargando la forbice tra il movimento turistico 2017 savonese e quello delle altre province. In Liguria tra gennaio e ottobre si sono registrate 14 milioni 722 mila giornate di presenza (+2,95%), di cui 2 milioni 430 mila a La Spezia (+6,23%), 3 milioni 061 mila a Imperia (+3,83%), 3 milioni 738 mila a Genova (+2,98%) e 5 milioni 493 mila in provincia di Savona, con incremento limitato a poco più dell’1%.

L’andamento nei principali centri turistici della provincia non è stato uniforme. Ottobre è stato fortemente negativo per Loano (24.695 presenze, -19,8% sul 2016) con perdite sia sul fronte alberghiero (-21,8%) sia su quello degli esercizi extra alberghieri (-6,1%). Al contrario per Finale Ligure è stato un mese da ricordare con 59.162 presenze (+8,7%) di cui hanno beneficiato sia gli alberghi (+3%) sia soprattutto il settore extra alberghiero (+16,9%). Anche Alassio ha chiuso in positivo (34.447 presenze, +2,5%), ma con una flessione degli alberghi (-2,6%) più che compensata da un vero “scoppiare” dell’extralberghiero (+47,2%). Va comunque tenuto conto che essendo ottobre mese di bassa stagione, è sufficiente lo spostamento di una manifestazione di forte richiamo a cambiare segno al trend del periodo. Il dato cumulativo dei primi 10 mesi dell’anno vede Alassio a quota 908 mila presenze (+4,3%), con Finale Ligure a 798 mila (+3,5%) e Loano a 614 mila (-2,9% rispetto allo scorso anno).

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: