AttualitàEconomia

Savona, presentato il REI (reddito di inclusione)

savona palazzo comune

A partire da oggi prenderà avvio la misura relativa al
“Reddito di Inclusione”, in attuazione del del decreto legislativo 147 del
15 settembre 2017, che sarà erogata dal 1 gennaio 2018 e sostituirà il
S.I.A. (Sostegno per l’inclusione attiva) e l’A.S.D.I. (assegno di
disoccupazione).

Le modalità organizzative finalizzate alla gestione dell’accesso e inoltro
delle richieste da parte dei potenziali aventi diritto mirano ad
assicurare all’utenza corretta informazione e supporto nella presentazione
della domanda che si ipotizza possa essere piuttosto consistente; il REI
prevede infatti il possesso di alcuni requisiti necessari per
l’ottenimento dei benefici, di tipo familiare ed economico, oltre ad
alcune incompatibilità, che rapportati al SIA lasciano prevedere un
significativo ampliamento della platea dei richiedenti.

“Dopo un confronto con i funzionari tecnici e amministrativi del Settore,
si è convenuto che per la gestione del primo periodo dei termini di
presentazione della domanda, anche in ottemperanza ai dettati del decreto
147, si stabilirà un punto unico di accesso per la presentazione delle
istanze presso la sede del Settore Attività Sociali ed Educative, in via
Quarda Inferiore 4 r, in capo al Servizio Promozione Sociale”, afferma
Ileana Romagnoli, Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Savona.

Le sedi operative delle Aree sociali (Anziani e Disabili via Zara –
Inclusione Sociale via Chiavella 18 – Minori e famiglia via Quarda
Inferiore 4 primo piano) svolgeranno in questa fase funzioni di
informazione e di orientamento, volte a rendere maggiormente fluida quella
di ricezione delle domande.

Al fine di agevolare le funzioni di informazione e di rendere più agevole
la comprensione degli estremi della misura, è stato predisposto un foglio
informativo sintetico da consegnare ai richiedenti unitamente al modello
di domanda, scaricabile sia dal sito web INPS che dal sito web del Comune
di Savona. I servizi interessati, in particolare il servizio
amministrativo, svolgeranno funzioni di supporto alla compilazione
dell’istanza e di verifica preliminare dei requisiti, sulla base delle
istruzioni operative e del modulo di domanda reso disponibile dall’INPS.

Ai fini di ottimizzare il lavoro, qualitativamente e quantitativamente, e
per evitare attese improprie agli utenti, il flusso della domanda sarà
gestito mediante appuntamento individuale, che potrà essere prenotato
anche telefonicamente oppure mediante le aree tecniche. La domanda,
debitamente compilata e completa della documentazione necessaria, sarà in
ogni caso consegnata presso la sede del Servizio Promozione Sociale quale
Punto Unico di Accesso. “Tutti coloro che avranno la possibilità di
usufruire del Reddito di Inclusione ne avranno diritto e potranno
presentare domande. Gli uffici sono pronti: per cercare di venire incontro
alle esigenze degli utenti e per ottimizzare gli interventi, sarà
possibile fissare appuntamenti”, afferma l’Assessore Ileana Romagnoli.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: