Attualità

Calcio, Serie D: dietro le quinte del Natale savonese

Diciassette giornate dopo il fischio d’inizio del campionato di Serie D 2017/2018 e a una manciata di ore alla mezzanotte del giorno più amato, separano le squadre dalla ripresa dei giochi venti giorni di stop, grandi abbuffate e telefonate. Tra nuovi acquisti e cenoni, le compagini che gravitano attorno alla città della Torretta sono prossime a completare il giro di boa di questo campionato e salutare il nuovo anno con grinta e buoni propositi.
A navigare nelle acque poco sicure della serie dilettantistica di massimo livello, tra acquisti iridati, flop, vittorie e risultati incostanti, ci sono tre squadre: Savona, Finale e Albissola. Poco importa di chi dorme sonni tranquilli in testa alla classifica, sognando la promozione, quando tutte e tre le savonesi occupano la zona di media e bassa classifica del girone. Spazio dunque ai precari e se per la neo promossa Albissola è, questo, un risultato ammirevole, oltre a vantare un invidiabile potenziale societario, un discorso a parte merita la situazione, precaria, del Savona, squadra sfortunata ma anche passiva e incostante nei risultati. A oggi, il punto interrogativo sull’eventuale salvezza pende come una spada di Damocle su tutte e tre le squadre savonesi, anche se è il Finale ad aggiudicarsi il “cucchiaio di legno” del calcio di questa prima battuta di campionato.

Il Savona, squadra più blasonata del Ponente ligure, ha attirato su di sé i riflettori di un girone altrimenti privo di grandi emozioni. Certo non per i meriti di gioco: vittima o artefice di un campionato sottotono, così insoddisfacente da mutare segno agli obiettivi fissati in estate, la società di via Cadorna ha dovuto mettere le cose in chiaro, “Tutta Savona sportiva è chiamata a lottare insieme per raggiungere nell’immediato un traguardo che si chiama salvezza nel torneo di serie D” e ancora “le porte sono spalancate a chiunque voglia contribuire a centrare il risultato, sia semplice tifoso, oppure sponsor, socio di minoranza o, ovviamente, nuovo socio di riferimento della società, in presenza di un progetto consono al blasone del Savona Fbc”, spiega in un comunicato ufficiale del 21 novembre scorso.
Bilancio parziale? Spalti vuoti, tifoserie in sciopero, tensioni interne e clima pesante negli spogliatoi. Ma mister Chezzi, sostituto di Tabbiani sulla panchina biancoblu, vuole riconquistare la fiducia di giocatori e tifosi: “Voglio ragazzi che vengano qui per bagnare la maglia del Savona di sudore da qui alla fine del campionato come stanno facendo quelli presenti nella rosa
Così è stato e non senza fatica i biancoblu hanno migliorato l’approccio alla partita.

Paradossalmente, ma il calcio insegna anche questo, è la neo arrivata Albissola ad aver guadagnato più punti.
La vicina di casa degli Striscioni, famosa per le sue ceramiche, nel suo esordio in serie D ha trovato tifoseria, consenso e vittorie. Storica quella nel derby inedito contro il Savona. Altrettanto storica, ma con risultato opposto, la sconfitta per 3 a 0 dei biancocelesti contro il Finale, battuto a sua volta dal Savona con una rete in zona Cesarini che aveva illuso in una ripresa degli Striscioni. Un triangolo “maledetto”  insomma, che lascia aperte le scommesse per il girone di ritorno in un gruppo che non ha ancora partorito la candidata alla promozione e in cui si procede compatti.
Chi avrà il primato tra le savonesi? L’Albissola viaggia tranquilla a 23 punti e il Savona barcolla a 20 in piena zona play out, il Finale, con i suoi 18 punti, deve guardarsi dal pericolo di scivolare nelle ultime due posizioni. Ma i giallorossi possono ora contare sull’ex biancoblu Virdis, approdato a fine novembre nella città rivierasca e corteggiato anche dall’Albissola.

Tanti i regali sotto l’albero dei biancoblu. Hanno fatto il loro ingresso allo stadio Bacigalupo di Savona nuovi sponsor e nuovi tesserati in sostituzione a chi ha fatto le valigie stravolgendo non poco equilibri e umori. I nomi più caldi sono quelli di Spaltro, Saccà e Magni. Il passaggio di testimone sulla panchina del Savona con l’arrivo di mister Chezzi ha portato con sé polemiche, ma anche punti per restare a galla e la parola fine di questo 2017 arriva dopo due vittorie, una disfatta, quella casalinga contro il Real Forte Querceta e un pareggio sul campo della Valdinievole Montecatini. L’Albissola chiude con una sconfitta nel recupero contro il Ghivizzano Borgo, sorte opposta per il Finale, che allunga sullo Scandicci, battuto 3-1.
In un campionato imprevedibile e in un girone così compatto, le sorprese non si faranno attendere. Ma per ora è tutto, buon Natale e buon anno nuovo a tutti i lettori dell’Eco di Savona!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: