Attualità

Piaggio: preoccupazioni dopo il rinvio dell’incontro al Mise

L’incontro Piaggio al Mise – Ministero per lo sviluppo economico – che era stato fissato per il 29 dicembre è stato posticipato al prossimo 2 gennaio), pare per problemi di saluti del rappresentante del Ministero.

Affermano gli onorevoli Anna Giacobbe e Lorenzo Basso: “Nei giorni scorsi Piaggio Aero ha annunciato di avere approvato il nuovo Piano Industriale quinquennale, che “si pone l’obiettivo di assicurare nel lungo termine la stabilità finanziaria e operativa del business” con “un’iniezione di liquidità pari a 255 milioni di euro, per sostenere i bisogni finanziari della società.Sembrerebbe un’ottima notizia, il segnale da tempo atteso che l’azionista sta tornando a fare quello che è il compito di una proprietà che ha a cuore la propria azienda.Ma di quale realtà industriale si sta parlando? Dopo le azioni annunciate, non rimarrà infatti quasi nulla della Piaggio che conosciamo. Solo un ramo d’azienda che si pone l’obiettivo di progettare e forse un domani produrre un nuovo prodotto”.

L’azienda infatti non solo ribadisce la sua decisione unilaterale di “cessione delle attività relative a Motori e manutenzione civile” ma dichiara che è stata definita “una nuova strategia di produzione e commercializzazione per il turboelica civile P.180 Avanti, che non esclude la valutazione di potenziali opportunità di partnership”. Una parte della produzione su cui è stata esercitata da parte del Governo la “Golden power”, in vista di garantire gli interessi strategici del nostro Paese nel caso di una cessione, evidentemente, anche di altro ramo.

Il piano industriale, quindi, si concentra solo “sul programma P.1HH Hammerhead” e su “un accordo con Leonardo per rafforzare la partnership industriale nel settore difesa e sicurezza”.

“Il Piano Industriale porterà a una profonda trasformazione di Piaggio Aerospace” dichiara l’Azienda ma, nonostante sia stata scongiurata l’ipotesi del fallimento i lavoratori sono contrari ai tagli e lo hanno comunicato per voce dei Sindacati. «Se l’azienda voleva inviare messaggi a qualcuno a noi sono arrivati chiarissimi. L’azienda incurante del Governo e degli appuntamenti già fissati non accetta posizioni diverse o mediazioni ed esattamente come 4 anni fa nulla è cambiato nel modo di procedere dei dirigenti», così si esprime la Fiom Cgil Genov, in apposita nota.

«Il pagamento del debito e la ricapitalizzazione – aggiunge Antonio Caminito della Fiom genovese – erano atti obbligati ed è positivo che siano avvenuti, ma queste azioni finanziarie si ripresenteranno se non si costruisce un reale Piano di tenuta e di rilancio in prospettiva e lo si deve fare con tutti gli attuali lavoratori nessuno escluso».

 

 

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: