Attualità

“Un anno se ne va, è il solito rituale”. Tutti (o quasi) gli eventi del 2017

fuochi Finale Ligure

Il 2017 sta volgendo al termine e, come ogni volta che un periodo di tempo, più o meno lungo, si avvia verso la conclusione, ritualmente ci si guarda indietro per provare a tracciare un bilancio. Proviamo a ricomporre il puzzle.

Quest’anno, abbiamo scoperto che ci sono sette pianeti in un altro sistema solare che sono simili alla Terra. Ma non ci sono giunte notizie di cosa ne pensino in quei luoghi dei vaccini o di altri temi tanto dibattuti nei dodici mesi che ci stiamo lasciando alle spalle, quindi, ci concentriamo sull’unico pianeta disponibile, il nostro.

Un anno insanguinato dal terrorismo, che ha colpito fin da subito Istanbul e la Turchia intera. Strage rivendicata dall’Isis. Una costante. L’Europa si è scoperta fragile, colpita a ripetizione in città simbolo. Sono state teatro di attacchi Parigi, Londra e San Pietroburgo. A tutti noi è corso un brivido lungo la schiena dopo aver sentito quanto successo a Manchester, al concerto di Ariana Grande. E come dimenticare la strage di Barcellona, sulle “ramblas”, simbolo di spensieratezza in una città che poco tempo prima aveva sbandierato al mondo intero la sua propensione all’accoglienza e all’inclusione. La Catalogna sarebbe poi stata sotto i riflettori del mondo intero in occasione del referendum, al termine del quale ha proclamato l’indipendenza, rifiutata dalla Spagna, il cui governo ha riportato indietro le lancette dell’orologio di qualche anno gestendo con violenza la situazione.

Anche gli Stati Uniti hanno vissuto un’escalation di attacchi. Metteranno mano all’emendamento numero due? Viste le amicizie del Presidente sarà dura. Eh già, Donald Trump, è sua la prima foto politica dell’anno, con il discorso tenuto il 20 gennaio di fronte a una nazione che votandolo ha espresso il proprio disprezzo per l’”America sceriffo del mondo”. Una presidenza scandita al ritmo dei tweet e dello scontro con il coreano Kim-Jong-un. In precedenza, António Manuel de Oliveira Guterres aveva sostituito Ban Ki-moon come Segretario generale delle Nazioni Unite.

Tornando in Europa, a maggio Macron ha spazzato le nubi frontiste dalla Francia, marciando di fronte al Louvre con l’inno europeo. E se non è un segnale chiaro questo… Poi, la questione dei cantieri di Saint-Nazaire ha portato un po’ tutti a rivedere certe posizioni, specialmente in Italia.

Il Bel Paese ha vissuto un anno, iniziato tragicamente con il terremoto che ha colpito Abruzzo e Lazio, in cui si è dibattuto molto, su temi che hanno profondamente diviso. L’apologia del fascismo (purtroppo c’è ancora chi rimpiange il ventennio più buio della breve storia nazionale), la questione dei migranti e dello ius soli hanno monopolizzato un’opinione pubblica spesso in balia delle fake news, uno dei mali del secolo. Ma il problema grave, quello del lavoro, rimane, anche eliminando i voucher. Stage, contrattini e contrattucci non fanno altro che svilire il lavoratore, instillando, o poco ci manca, l’idea che chiedere uno stipendio vero sia una pretesa. Intanto, la speranza di vita si allunga, per fortuna, ma anche l’età pensionabile avanza, ecco la fregatura. I referendum in Veneto e in Lombardia hanno dato un segnale chiaro. La Sicilia ha testimoniato che un centrodestra unito potrà dire la sua. Anche Genova, dopo Savona e la Regione, ha, dopo anni, cambiato colore, dal rosso è passata all’arancione di Marco Bucci, pupillo del presidente Toti.

Un anno che, in Liguria, verrà ricordato per i red carpet che hanno tappezzato, non senza polemiche, le belle passeggiate della nostra costa. Un’estate in rosso, al ritmo dei tormentoni (sì, passiamo alle cose frivole) “Senza pagare” di J-ax e Fedez, “Riccione” dei The Giornalisti e “Tra le granite e le granate” di quel Gabbani che ha fatto cantare l’Italia intera con “Occidentali’s Karma”, canzone grazie alla quale ha vinto il Festival di Sanremo, l’ultimo della gestione Carlo Conti. Rimanendo sulla musica, Modena ha reso omaggio al Vasco nazionale, 225.173 persone a cantare i suoi successi. Ha perso, invece, l’Italia del calcio. Se l’ennesima sconfitta della Juventus in Champions ha reso triste solo una parte del tifo di casa nostra, il dramma sportivo consumatosi a metà novembre verrà ricordato da tutti e per molto tempo: l’Italia di Ventura fuori dal Mondiale, non succedeva dal 1958.

In questo quadro generale, sicuramente ricco di dimenticanze, si sono innestate le vite di tutti noi, successi e insuccessi personali, momenti belli e momenti brutti che ci porteremo dietro in un 2018 ricco di incognite e, di conseguenza, di opportunità.

 

 

Da “L’Eco di Savona”, edizione cartacea del dicembre 2017.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: