Attualità

Cairo Montenotte: Palazzo comunale in animazione…

Cairo Montenotte, recentemente provata dall’incendio alla FG Riciclaggi di Bragno e dal caso di intossicazione alla Scuola di formazione della Polizia peniteziaria, dimostra di essersi rialzata rapidamente, con la volontà ferma di “andare avanti” e di promuovere iniziative nell’interesse della comunità e nel miglioramento dei servizi. Una novità all’avanguardia è stata adottata dall’ Amministrazione comunale: a partire dal 30 gennaio è stato varato il servizio che permette ai cittadini di richiedere la carta d’identità elettronica. Il primo documento elettronico è stato rilasciato  dal primo cittadino Paolo Lambertini in persona. Precisa l’Amministrazione comunale di Cairo:“Cairo Montenotte è il primo Comune in Val Bormida ad aver attivato il servizio di carta di identità elettronica. Per maggiori informazioni potrete rivolgervi all’ufficio anagrafe del Comune dove vi verranno spiegati i passaggi da compiere per ottenerla”. Il provvedimento è conseguente alle direttive del Ministero dell’Interno che così si esprime in merito: “La Carta d’identità elettronica è l’evoluzione del documento di identità in versione cartacea. Ha le dimensioni di una carta di credito ed è caratterizzata da un supporto in policarbonato personalizzato mediante la tecnica del laser engraving con la foto e i dati del cittadino e corredato da elementi di sicurezza (ologrammi, sfondi di sicurezza, micro scritture, guilloches ecc.) e da microprocessore a radio frequenza. La carta è contrassegnata da un numero seriale stampato sul fronte in alto a destra. Tale numero seriale prende il nome di numero unico nazionale”

Oltre a tale novità di carattere amministrativo e burocratico, sempre il giorno 30 gennaio, presso la Sala Riunioni del Palazzo comunale, è stata offerta la possibilità di uno screening gratuito per la prevenzione del diabete, sotto l’egida dei Lions Club Valbormida. Il Sindaco Lambertini ha voluto dare il buon esempio e si è sottoposto al prelievo glicemico, eseguito da personale sanitario, seguito da molti dipendenti comunali. Gli esiti dei test, che hanno scopi educativi di prevenzione e sensibilizzazione, sono rimasti ovviamente anonimi e sottoposto a privacy.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: