Attualità

I vaccini: un obbligo, un dovere o un’opportunità?

“Le malattie infettive hanno da sempre condizionato la storia dell’uomo e nel 1327, con l’arrivo della Peste Nera in Europa che è durata 4-5 anni, la popolazione europea si è ridotta di un terzo”, ha dichiarato il dottor Giovanni Riccio durante un incontro dedicato ai vaccini, “e l’uomo ha da sempre cercato di difendersi dalla malattie. La creazione delle fogne ha avuto un impatto enorme sulla salute delle persone e negli anni 60 i genitori dei bambini napoletani chiedevano a gran voce il vaccino contro il colera, mentre oggi alcune famiglie sono contrarie ai vaccini per i bambini. Ai nostri giorni non vediamo più i catastrofici effetti delle malattie ed i tassi di copertura vaccinale sono in una percentuale al di sotto degli standard dei paesi sviluppati, perciò in Europa sono state introdotte leggi per indurre le persone a vaccinarsi. Se almento il 95% delle persone sono vaccinate, il virus ha la vita difficile e si lavora per arrivare a questa percentuale perchè, solo così, sono protette anche le persone che per problemi di salute non possono vaccinarsi. Nei paesi del Terzo Mondo le persone fanno la coda per vaccinarsi e ciò è dovuto al fatto che in quelle nazioni sono ancora presenti le gravi malattie infettive ed i loro devastanti effetti. La poliomielite provoca paralisi alle gambe ed ai polmoni e atrofie muscolari ed un caso che ha fatto molto clamore nel passato è quello di Rosanna Benzi, come tutte le altre malattie, è particolarmente diffusa tra gli anziani ed i bambini e la difterite è in particolar modo presenti nei paesi dell’ex blocco sovietico, dove le vaccinazioni erano obbligatorie ma la caduta del Muro di Berlino ha portato alla disgregazione del sistema sanitario di quei paesi arrivando ad un livello da paesi del Terzo Mondo negli anni 90. Il morbillo provoca encefalite una volta su mille e con i vaccini diamo una sorta di “foto segnaletica”del virus, mentre il vaccino per la malaria non è possibile realizzarlo perchè il virus muta in continuazione. I vaccini con i virus vivi attenuati sono i più rischiosi perchè alcune persone non li possono fare e in questa categoria rientrano coloro che si sottopongono a chemioterapia, mentre quelli più sicuri sono quelli ad anatossine. Negli Stati Uniti, a differenza dell’Italia, alcuni vaccini vengono fatti con il sangue che viene raccolto dietro compenso economico, mentre in Francia vi è l’obbligatorietà per 11 vaccini. Sono convinto che se non è possibile convincere le persone a vaccinarsi bisogna obbligarle e in Olanda la percentuale di vaccinati è molto inferiore all’Italia a causa dell’enorme potere di una setta che predica che se Dio manda a qualcuno una malattia è giusto così. Fare 12 vaccini insieme riduce la stimolazione del sistema immunitario e non è assolutamente vero che i vaccini causano autismo e ciò è confermato da autorevoli studi. Il morbillo è un virus che non muta ed è per questo motivo che è stato molto semplice realizzare un vaccino ed occorrono dai 10 ai 15 anni per mettere in commercio un farmaco e è controproducente per una casa farmaceutica mettere in commercio un farmaco pericoloso. Albert Sabin ha creato il vaccino per la poliomielite ma non ha mai voluto soldi per renderlo accessibile a tutti e a quelli che dicono che i vaccini sono pericolosi perchè c’è il mercurio voglio ricordare che nell’inchiostro per stampanti è presente una maggiore quantità di questo materiale e alcune società omeopatiche sono favorevoli ai vaccini”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: