Attualità

Da Rotterdam a Roma per la Sampdoria con premio finale, la storia di Elias Doglio

1618 kilometri per seguire la propria squadra del cuore. Un viaggio ripagato con la vittoria. La Dea Bendata che si accorge di te.

Così si può sintetizzare il weekend di Elias Doglio, savonese classe 1995 che da qualche tempo si è trasferito nei Paesi Bassi, a Rotterdam per la precisione, per lavorare in un ristorante.

Il richiamo della maglia blucerchiata era troppo forte e così la decisione di raggiungere l'”Olimpico” di Roma per assistere all’incontro tra giallorossi e blucerchiati. Una traversata continentale coronata dalla rete di Zapata che ha sancito la vittoria dei genovesi. Tuttavia, la sorte aveva in serbo un finale ancora migliore: Torreira, giocatore fondamentale nello scacchiere di Giampaolo, lancia la maglia verso gli spalti. Maglietta raccolta prontamente da Elias, che la sfoggia con orgoglio nella foto inviata alla nostra redazione.

“Lavoro a Rotterdam come cuoco, sono partito sabato mattina per poter arrivare in tempo per la partita (domenica sera ndr). Sono stato molto fortunato e sono molto felice per questo”, afferma entusiasta.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: