Attualità

Cava Biscea: superato l’esame ambientale

Il complesso estrattivo della cava “Bricco Biscea”, che si estende per quasi 10 ettari sul versante collinare in sponda destra del torrente Letimbro, in località Cimavalle, presso il Santuario di Savona, è stato esonerato dalla procedura di Valutazione di impatto ambientale ed ha così compiuto un paso decisivo verso la ripresa dell’attività. Ad esaurimento dell’estrazione di ortogneiss, un tipo di roccia granitoide, sarà messo in atto un progetto di riqualificazione ambientale che comprenderà la “ricostruzione” del versante scavato.

Nel corso dell’esame disposto dal Settore Ambiente della Regione, era intervenuto il WWF di Savona chiedendo che il progetto venisse sottoposto a procedura di Via regionale, segnalando forti criticità delle attività previste rispetto a “interferenze sui comparti ambientali quali flora e vegetazione, acqua, suolo, paesaggio, biodiversità”. Tali osservazioni non sono state accolte dai tecnici regionali che hanno sottolineato i contenuti del progetto, che prevede un piano di coltivazione da attuarsi attraverso la realizzazione di tre gradoni. L’impegno è di avviare una fase di riqualificazione ambientale molto articolata che inizierà già con la fine della coltivazione di ogni gradone, a partire dall’alto, mentre alla fine delle attività di estrazione, è previsto l’abbancamento di circa 1,2 milioni di metri cubi di terre e rocce di scavo allo scopo di realizzare un rilevato per il mascheramento del fronte di cava. Il progetto comprende inoltre una completa rivegetazione del versante e misure per l’incremento della biodiversità.

Complessivamente, le fasi di scavo del nuovo programma di coltivazione proposto ammontano a circa 1 milione 131 mila metri cubi. La variante al progetto, elaborato dall’ing. Daniele Canale di Genova, dal geologo Guido Carieri di Boissano, dall’ingegnere forestale Roberto Sobrero e da Politecna Sas di Vado Ligure, è stata studiata – come si legge nella relazione di accompagnamento – in modo da garantire, attraverso fasi definite di coltivazione e di sistemazione, uno sfruttamento ottimale delle risorse minerarie e un soddisfacente recupero dell’area, tale da inserirsi adeguatamente nel contesto ambientale.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: