Attualità

Calciando in rete Extra – “Calcerò” 2018: come far uscire il pallone dalla crisi

Lunedì 12 marzo nella giornata di riposo del 47° Trofeo Beppe Viola torneo internazionale di calcio under 17 (al Casinò di Arco di Trento, ore 20.00, con ingresso gratuito) si è parlato di calcio giovanile: ospiti d’onore il presidente dell’AIC Damiano ommasi e l’allenatore del Genoa Davide Ballardini. Sotto l’abile regia degli organizzatori è andato di scena “Calcerò”: bandiere, radici, talentiil tradizionale incontro-dibattito sul calcio giovanile, che coinvolge personaggi e volti noti del mondo pallonaro doc.Nell’anno del Mondiale senza l’Italia in Russia, data la crescente necessità di investire ulteriormente sui campioni “fatti in casa”, Calcerò si è riproposto all’attenzione degli addetti ai lavori come un laboratorio privilegiato di idee, di progetti, di opinioni sul tema dei vivai calcistici. Alla bellissima serata a tema hanno partecipato, tra gli altri, il Presidente dell’AIC, Damiano Tommasi, e l’allenatore del Genoa, Davide Ballardini, quest’ultimo votato dai giocatori che hanno partecipato al Beppe Viola come “Allenatore dei sogni 2018”. A dare il benvenuto ai convenuti è stato Marco Benedetti, Presidente del Comitato Organizzatore dell’oramai storico evento che si concluderà martedì 13 con la finalissima tra Torino e Bologna, in programma alle ore 18.00 presso lo stadio di Arco. Si tratterà di un ritorno alle origini in quanto dopo anni dominati da Atalanta, Juventus e Inter, due delle più antiche squadre in Italia lotteranno per vincere una coppa che manca da molto tempo nelle bacheche dei club. I granata non alzano il Beppe Viola dal 1993 e tornano in finale a sette anni dall’ultima volta quando furono sconfitti dall’Inter. Digiuno ancora più lungo per il Bologna. L’ultimo successo dei rossoblù risale al 1978, quando il torneo si chiamava solo Arco di Trento e il Presidente del Consiglio era Giulio Andreotti. Storia a parte, il Torino è il favorito d’obbligo per il titolo. Dominatrice in campionato insieme alla Juventus, la squadra di Marco Sesia (foto) è stata l’unica “grande” del torneo a qualificarsi per le semifinali grazie a una difesa quasi perfetta, solo due gol subiti. Meno positivo il bilancio degli attaccanti ma la punizione di Niccolò Moreo che ha regalato la finale al Torino potrebbe aver sbloccato il bomber granata. Meno singoli e più collettivo per il Bologna, capace di qualificarsi nel girone della Roma, e di superare in semifinale la Sampdoria grazie ai rigori parati da Thomas Fantoni. Denis Portanova, figlio di Daniele, guiderà la difesa mentre Jonathan Adusa avrà il compito di abbattere il muro del Torino con la sua velocità.Prima del gran finale, toccherà alle squadre femminili. Res Roma e Fiorentina si affronteranno dopo aver superato Verona ed Inter.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: