Attualità

“Sotto l’ombra Del chinotto” – Nell’uovo di Pasqua grandi “sorprese”

Magica ed emozionante la 29^ del girone E della Serie D dona alle savonesi (eccezion fatta per il Finale) speranze non certo prevedibili sino a pochi mesi or sono. Se infatti la regolarissima Albissola in questo girone di ritorno ha messo la marcia più alta ed ora avendo battuto la capolista Ponsacco (3 a 0 perentorio al Faraggiana) si è catapultata nientemeno che al secondo posto a -1 dal vertice, il Savona rigenerato dalla cura Chezzi imponendosi con un punteggio tennistico a Viareggio (il set è finito 6 a 1) vede completarsi una ricorsa che lo ha portato ad affacciarsi (9 vittorie e 2 pareggi nelle ultime 11) in zona play off (grazie al punto di penalizzazione inferto al Viareggio per stipendi non pagati), un traguardo che pareva oramai fuori portata ma che adesso riapre inevitabilmente i giochi.Stando alla cronaca delle due gare vittoriose, della fenomenale tripletta rifilata ai rossoblù toscani occorre rimarcare oltre alla prestazione magistrale dal punto di vista tattico anche la rara bellezza tecnica delle marcature (su tutte la punizione imparabile di Sancinito, una delle sue specialità), mentre al Lido dei Pini (stadio che il giorno prima aveva ospitato il trionfo della Primavera dell’Inter nella Viareggio Cup) ha brillato in una squadra oramai quasi perfettamente rodata l’impresa di  Davide Balestrero andato per tre volte a segno. Alla ripresa dopo la pausa pasquale il Bacigalupo sarà interdetto ai deboli di cuore perchè la sfida tra i biancoblù ed i ceramisti sarà decisiva (ritengo infatti che un pari, visto che la Sanremese battendo la Lavagnese si è prontamente ripresa, danneggerebbe entrambe). Chi non se la ride è il Finale che perdendo con il San Donato Tavarnelle (doppietta dell’ex sampdoriano Pozzi) ha forse definitivamente perso il treno per la salvezza diretta (il distacco dal Sestri Levante è salito a 9 punti). Nella prossima i giallorossi (privi dello squalificato Antonelli, faro della difesa) tra l’altro si vedranno difronte i matuziani del neo mister Lupo che non và dimenticato sono partiti per vincere forti sul piano economico (quello che fa la differenza) più di chiunque altra contendente.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: