Attualità

Seconda Categoria. Il punto a due giornate dal termine

Lotta al vertice. La sosta dovuta alle festività pasquali lascia il tempo per provare ad analizzare il rush finale della Seconda Categoria girone B. In testa alla classifica si trovano le due squadre che hanno cannibalizzato il torneo, due compagini diverse tra loro ma che hanno trovato la quadratura giusta per annientare la concorrenza. Il Millesimo, macchina da goal e difesa super, ha impressionato tutti gli addetti ai lavori per la qualità del gioco espresso. Ma si sa, nel calcio la qualità del gioco è come l’impiattamento in cucina: se poi la pietanza non è buona, il tutto diventa solo un vezzo inutile. Fino a ora, però, i giallorossi hanno abbinato qualità e punti. Chi invece ha badato più al sodo è il Plodio, che ha fatto peggio dei rivali in termini di goal, fatti e subiti, e che è in svantaggio negli scontri diretti; dato di poco conto visto che per assegnare il titolo si farà ricorso allo spareggio, come lo scorso anno tra Sassello e Carcarese Calcio. Ma c’è un numero che propende dalla parte dei ragazzi di Brignone, quello delle 15 vittorie, una in più del Millesimo, squadra ancora imbattuta ma che in sei occasioni è stata fermata sul pareggio. Proprio questa leggera propensione alla “x” dei giallorossi può far sperare il Plodio, che sarebbe primo se non fosse per gli scontri diretti e che quindi ha dimostrato di saper ottenere risultati migliori contro le “piccole”. Il calendario non sembra proibitivo per nessuna delle due. Entrambe se la vedranno con un Santa Cecilia in caduta libera, alla penultima il Millesimo, nell’ultimo turno il Plodio. I biancoazzurri domenica prossima incroceranno i tacchetti con una Fortitudo ormai retrocessa, manca solo la matematica, mentre gli Amendola boys chiuderanno il loro campionato contro un’Olimpia Carcarese che, probabilmente, non avrà più nulla da chiedere al campionato.

 

 

Lotta play off. Il Dego ha, con due turni di anticipo, staccato il pass per gli spareggi promozione. Manca un punto, invece, alla Priamar Liguria, da raccogliere nei match contro Mallare e Murialdo. Il solo punto di differenza tra le due compagini legittima la speranza dei ragazzi di Roso di raggiungere il terzo posto, che garantirebbe di giocare lo spareggio tra le mura amiche e il passaggio del turno in caso di pareggio dopo i 120 minuti. La storia recente dei play off di Seconda Categoria e non solo ha mostrato come giocare con due risultati su tre possa rivelarsi un’arma a doppio taglio. A volte, rincorrere è più facile di essere rincorsi. Se il calendario della Priamar è ostico, anche quello del Dego di Albesano non può essere catalogato come una passeggiata di salute: l’Olimpia Carcarese alla penultima, che con tre punti allontanerebbe i seppur remoti paly out e potrebbe sperare in un sorprendente aggancio ai play off in caso di doppia sconfitta della Priamar, e la Nolese, che sarà impelagata nella bagarre per ottenere un piazzamento comodo ai play out.

 

Per non “retrocedere”. Le virgolette sono obbligatorie visto che questa è la terza stagione senza la Terza Categoria. Il recente exploit del Mallare lancia i “lupi” alla caccia della salvezza diretta, realizzabile superando il Murialdo, distante solo due punti. Proprio il Murialdo sembra essere finito un incubo. Come ci racconta mister Macchia, raggiunto al telefono a margine del recupero perso contro il Mallare, la squadra sta attraversando un momento di estrema difficoltà, che si è aggiunto, quasi fatalmente, a una stagione “in esilio” a causa delle difficili condizioni del campo di gioco. Tanti infortuni misti a squalifiche e a problemi di lavoro hanno coinciso con una serie di sconfitte che mettono a repentaglio una salvezza che fino a poco tempo fa non sembrava essere in discussione. Anzi, i ragazzi di Macchia erano gli indiziati principali per insidiare Dego e Priamar. Il calcio e un torneo così breve ed equilibrato hanno ribaltato tutto. Sta bene il Cengio, che viene da due vittorie consecutive molto larghe. Per i granata di Testa, la Rocchettese alla penultima, che con due successi potrebbe ancora ambire a un difficile play off, e una sfida vietata ai deboli di cuore con il Mallare all’ultima. In questo contesto, chi sembra destinato a non disputare la semifinale play out è il Santa Cecilia, che incontrerà nelle ultime due Plodio e Millesimo, non proprio due squadre materasso.

 

Il tabellino. Giovedì sera è andato in scena l’ultimo recupero delle gare rinviate. Una vittoria netta del Mallare per 5 a 2 sul Murialdo. Per i rossoblu una tripletta dello scatenato Vallone a cui si sono aggiunti i goal di Acquarone e Spriano. Di Oddone e Aboubakar le marcature del Murialdo.

Mallare: Astengo, Avellino, Lasio, Vassalli, Parraga, Spriano, Vallone, Acquarone, Shqau, Esposito, Capezio. A disposizione: Germano, Besio, Gallizzi, Gerace, Gennarelli, Buonocore. Allenatore: Cerruti.

Murialdo: Odella, Perrone, Olivieri, Salvo, Santero, Carle, Nichiforel, Pontoglio, Aboubakar, Barlocco, Oddone. A disposizione: Castello, Ferraro, Dumfa, Icardo, Zunino. Allenatore: Macchia.

 

Per la classifica, cliccare QUI

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: