Attualità

Seconda Categoria – Intervista a Samir Bayi, colonna del Plodio capolista

Il Plodio, capolista insieme al Millesimo in Seconda Categoria, ha impressionato tutti per come ha saputo abbinare tecnica e forza fisica, andando a vincere anche gare non dominate sul piano del gioco. La qualità che deve avere chi ambisce, a ogni livello, a vincere un campionato. Chi sintetizza al meglio queste prerogative nell’ampio ventaglio di soluzioni di cui dispone mister Brignone è senza dubbio Samir Bayi, centrocampista eclettico che in passato ha vestito le maglie di Cengio e Olimpia Carcarese.

Un giudizio sul tuo primo impatto con la realtà Plodio. All’inizio avevi intravisto la possibilità di disputable una stagione di questo calibro? 

L’impatto è stato fin da subito positivo. Essendo stato uno degli ultimi ad aggiungersi alla squadra e avendo saltato la preparazione, sono arrivato quando stavamo già attraversando un grandissimo periodo di forma. Devo dire che me lo aspettavo, dato che la società è lo staff tecnico sono composti da persone serie. 

Difensore centrale, mezzala o mediano. È in quest’ultima posizione quella dove riesci a esprimerti al meglio? 

Ho giocato come mediano anche in passato. È un ruolo abbastanza impegnativo perché implica il dover sfruttare appieno sia le doti in fase difensiva sia quelle relative alla fase di attacco. Si tratta di una posizione che ricopro volentieri. 

La “Guerra Fredda” con il Millesimo sembra interminabile. Cosa avete in più di loro? Cosa, al contrario, toglieresti ai vostri avversari? 

Il Millesimo è una squadra molto organizzata in tutte le fasi di gioco. Siamo molto diversi. Ma la cosa che ci accomuna è la “fame”  di vittoria. Non toglierei nulla a loro, né saprei dire cosa abbiamo in più. La cosa certa è che entrambe le squadre meritano la vetta della classifica.

Domenica chiuderete la regular season contro un Santa Cecilia in declino, che però all’andata vi ha superati 2 a 1. Quella sconfitta ha lasciato qualche scoria che dovrete gestire fra due giorni? 

Chiaramente, quella sconfitta ha rappresentato per noi un duro colpo. Dobbiamo affrontarli avendo consapevolezza di cosa si era sbagliato. In questo senso è importante non scordarsi di quel match. Si preannuncia una partita difficilissima. Per tornare a casa con tre punti bisognerà raddoppiare gli sforzi rispetto all’andata. 

 

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: