Attualità

Acque marine liguri: eccellenti

Inizia ufficialmente il primo maggio la stagione balneare e, in previsione, l’Arpal, l’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente ligure, traccia il quadro dello stato delle acque marine, che appare del tutto rassicurante. In Liguria sono presenti 373 punti di monitoraggio mensile che Arpal campiona e analizza. Dai dati emerge che le acque liguri di balneazione sono in larghissima parte eccellenti (354 punti), e che l’evoluzione del loro stato può essere costantemente controllata in quanto i risultati delle analisi sono pubblicati direttamente sul sito internet dell’Agenzia, e regolarmente trasmessi a Ministero, Regione, Asl e Comune di riferimento.

La stagione balneare in Italia è compresa nel periodo  tra il primo di maggio ed il 30 settembre; i controlli iniziano per legge il primo aprile, con anticipo di un mese sulla data di apertura. La costa è divisa in tratti, rappresentati ognuno da un punto di campionamento, e monitorati con cadenza almeno mensile da Arpal. Ogni anno la Regione Liguria decreta l’elenco dei tratti costieri liguri appartenenti alla rete di monitoraggio per la stagione in corso, e il relativo calendario di campionamento: per il 2018 sono stati previsti 373 tratti.

Lungo la costa ligure sono poche le aree non balneabili in modo permanente, per motivi di sicurezza, portuali, di inquinamento permanente, militare o altro, che non sono pertanto oggetto di monitoraggio. Il restante litorale della regione è oggetto di valutazione, dal 1 aprile al 30 settembre, attraverso controlli e campionamenti per la verifica della qualità delle acque di balneazione, con cadenza, criteri e metodologie stabilite dalla legge.

Lo scorso anno, la Goletta Verde di Legambiente, partita da La Spezia  il 18 giugno , era in navigazione nei mari italiani per monitorare il livello d’inquinamento delle acque. Rilevava, per quanto riguarda la Liguria, dati non incoraggianti e, sui 23 punti monitorati lungo i nostri litorali, in 10 erano state riscontrate cariche batteriche elevate.

Legambiente aveva effettuato campionamenti tra il 9 e l’11 giugno, analizzandoli nel laboratorio mobile e concentrandosi sui parametri microbiologici (enterococchi intestinali, Escherichia coli): erano stati considerati come “inquinati” i risultati che superavano i valori limite previsti dalla normativa sulle acque di balneazione vigente in Italia (Dlgs 116/2008 e decreto attuativo del 30 marzo 2010) e “fortemente inquinati” quelli che superavano  di più del doppio tali valori.

Quale sarà la verità?

 
 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: