Attualità

Quando il divertimento può diventare una professione : presentato il nuovo corso per dj

E’ stato presentato, presso l’Unione Industriali di Savona, alla presenza di Angelo Berlangieri, presidente UPASV, Massimo Vergassola, direttore CESCOT, Giacomo Canale titolare Golden Beach e Andrea Poggio, famoso dj, il corso per dj rivolto a 32 giovani e adulti disoccupati e persone non in stato di occupazione a cura di Cescot Liguria, Unione Provinciale Albergatori di Savona e Mivida Srl, grazie al Fondo Sociale Europeo 2014/2020 della Regione Liguria.

“Questa idea nasce dall’impulso dell’offerta turistica”, ha dichiarato Berlangieri, “e spesso si pensa che nelle nostre zone l’offerta ai turisti sia minore ma non è così. Il bando della regione per lanciare la qualifica di dj è innovativa ed è sempre più presente il bisogno di questa figura per la quale occorre avere anche specifiche competenze senza dimenticare che per i giovani può essere un’opportunità di lavoro. Le prime discobeach sono nate in questa riviera e questa professione, che può essere definita nuova, ha sempre di più un futuro”.

“Un buon dj può fare la differenza”, sottolinea Massimo Vergassola, responsabile CESCOT, “anche se dev’essere consapevole del ruolo che ricopre. Il corso è di 300 ore in laboratorio e 150 di stage ed è aperto a 16 giovani a Genova e 16 a Savona in particolare modo a neodiplomati disoccupati o inoccupati. Nel mese di luglio ci sarà uno stage con l’obiettivo di una potenziale occupazione ed un conseguente esame di qualifica”.

“Il dj è il protagonista principale delle serate anche perchè trasmette emozioni”, evidenzia Giacomo Canale, “e vi è la necessità di una figura che sia in grado di interpretare la serata. Tra i docenti del corso troviamo Nick Gervasi e Andrea Poggio, figure molto importanti nel mondo dei dj. Le discobeach sono nate in questa riviera e questo corso può essere un’importante occasione per scoprire nuove leve. Tra i docenti troviamo anche i fratelli Piolino e a lezione alcuni dj famosi racconteranno le loro esperienze. Occorre anche imparare l’uso dei vecchi e nuovi strumenti e capire le esigenze del pubblico presente in un certo momento”.

“Vi è stata una vera e propria rivoluzione degli strumenti è la musica è quello più importante”, ricorda Nick Gervasi, “ed i dj residenti in queste zone sanno adattarsi bene alle richieste del locale e del pubblico. Occorre anche una certa capacità piscologica capendo se la gente si sta divertendo e come cambiare la proposta musicale in caso di bisogno e voglio ricordare che in questo lavoro non esistono scalette”.

“Oggi il dj è più una pop star che in passato”, dichiara Andrea Poggio, “ed il requisito importante è quello di sapere parlare al micorfono visto che la figura del vocalist è in estinzione ed occorre la battuta giusta al momento giusto ed in questo corso vogliamo trasmettere la padronanza degli strumenti che oggi sono più numerosi che in passato. Il corso non ha limiti di età e viene valutata la capacità della singola persona. I partecipanti non dovranno sostenere alcun costo perchè le spese sono coperte dalla regione con il bando e l’unico costo è quello della marca da bollo sulla domanda d’iscrizione. Per la regione il costo complessivo è di circa 60.000-70.000 euro e sono stati coinvolti alcuni tra i locali più conosciuti di Savona e Genova aprendo anche, se lo desiderano, a discoteche piemontesi e spezzine e tra i locali coinvolti troviamo il Makò, il Soleluna, la Suerte, il Luna Rossa, il Covo, le Rocce di Pinamare, l’Heretique, Le Vele e l’Essaouira”.

“Gli albergatori fanno collante su questa esigenza e l’animazione riguarda anche le strutture delle nostre zone e avere figure professionali formate è per noi molto importante anche nell’ottica dell’organizzazione dell’offerta turistica”, conclude Berlagnieri.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: