Attualità

Albenga celebra il 25 aprile

Alla presenza dell’amministrazione comunale, dell’Onorevole Franco Vazio, dei rappresentanti delle associazioni albenganesi e numerosi cittadini la città di Albenga ha ricordato il 73 anniversario della liberazione del nostro paese dal dominio nazi-fascista.

“Questo è un giorno importante e vedere tanta gente mi piace molto”, ha dichiarato il sindaco Giorgio Cangiano, “perchè significa che la città non vuole dimenticare la liberazione ed il sacrificio che i nostri antenati hanno compiuto. Troppo spesso la giustificazione del nostro non-impegno è quella in cui si dice che i partigiani sono eroi e questo è un errore perchè loro sono persone normali che si sono schierate dalla parte giusta che è quella delle libertà. Dobbiamo capire che vi sono differenze tra chi si è armato per riprendersi i diritti e chi si è armato per il controllo dei cittadini e le azioni compiute  in quegli anni sono eroiche ma coloro che le hanno compiute sono persone normali. L’Italia ha tanti problemi ma si possono affrontare con i valori delle Resistenza e dev’essere una priorità quella di perseguire i valori che hanno reso grande il nostro paese meritandoci il sacrificio dei partigiani”.

“Tutti noi abbiamo diritti ma anche doveri”, prosegue il primo cittadino, “ed occorre approfondire questi temi. Nel 2015 abbiamo assegnato ai partigiani ancora in vita un piccolo riconoscimento che consisteva in una pergamena ed una medaglia ed in questa occasione ho ricevuto una lezione importante perchè queste persone mi ringraziavano di questi piccoli doni. Tutti noi dobbiamo riscoprire questa forza d’animo che mi dimostra sempre Vanda, la sorella del partigiano Roberto Di Ferro che mi sorride tutte le volte che mi incontra. Il comune di Albenga ha deciso di concedere uno spazio per il nuovo Museo della Resistenza presso l’ex cinema Astor accanto al Centro Giovani perchè proprio con i giovani la storia dev’essere ricordata e devono capire cos’è successo in quegli anni. Abbiamo chiesto la medaglia d’oro al valor civile per la nostra città con una pratica seguita in modo egregio dall’Onorevole Franco Vazio e proprio pochi giorni fa ho ricevuto una chiamata dal Ministero che mi diceva che la pratica in questione ha superato tutte le prime fasi ed attualmente è giunta alla fase finale. Nei nostri cuori ci sono le persone che sarebbero orgogliose di vederci qui e proprio perchè ci sono dei problemi nel nostro paese è importante parlare della Resistenza e dei suoi valori”.

 

Al termine  della commemorazione il corteo è proseguito per il Fortino alla Foce del Centa.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: