Attualità

Dentro alle istituzioni sportive – Il Giudice Sportivo

Il giudice sportivo è la persona posta al vertice legislativo di una federazione, la quale assegna l’incarico. Per lungo tempo, in Italia, è stata una carica ricoperta dai magistrati. Successivamente, il Consiglio Superiore ha vietato loro di svolgere incarichi per federazioni sportive.La struttura della magistratura e il numero di gradi variano in base al singolo ente: la Federazione calcistica italiana, per esempio, riconosce al giudice il valore di 1º grado.Il 2º è invece delegato alla Corte di Giustizia Federale, con valore definitivo.Ad essa compete anche la decisione finale in caso di illeciti, oltre che per i ricorsi di atleti (tesserati) e società. Il campionato nazionale contempla la figura a partire dalla stagione 1959-1960, visto che fino a quel momento le decisioni erano prese collegialmente dal Comitato o dalla Lega che gestiva ogni campionato. All’atto del tesseramento e dell’iscrizione, atleti e società si impegnano ad accettare le deliberazioni della giustizia sportiva rinunciando all’eventuale intervento di quella ordinaria: il mancato rispetto della clausola (detta “compromissoria”) ha spinto il Parlamento a regolamentare la questione.L’unico TAR competente in suddetti casi è quello della Regione Lazio. Per la stagione 2016-2017, giudici sportivi delle leghe professionistiche sono stati: Gerardo Mastrandrea (LNP A), Emilio Battaglia (LNP B) e Pasquale Marino (LICP).Il giudice sportivo del Dipartimento Interregionale della LND, avvocato Aniello Merone con la collaborazione del rappresentante dell’AIA sig.Sandro Capri e del responsabile di segreteria  sig. Marco Ferrari nella seduta tenutasi giovedì 26 aprile 2018 (Corte di Appello Federale) in merito al ricorso/reclamo presentato per la gara del girone E, Savona FBC – Albissola 2010 del 8/04/2018, adottando le decisioni del caso, lo ha respinto dichiarandolo inamissibile (questo il verdetto/sentenza) confermando di risultato maturato sul campo di Savona 0 Albissola 1. Il caso del rigore, trasformato da capitan Sancinito, con cui i ceramisti avevano vinto il match del “Bacigalupo” battendo di misura il Savona aveva fatto molto parlare sino ad assumere importanza a livello nazionale. Il rigore concesso dal direttore di gara, Claudio Petrella di Viterbo, per un fallo di mano era stato commesso infatti ben al di fuori dell’area di rigore. Da questo episodio contestato era scaturito il reclamo della società del presidente Cavaliere che chiedeva l’errore tecnico della Terna Arbitrale sperando che uno dei componenti potesse ammettere di aver sbagliato visto che in categoria non sono ammesse prove televisive.

Questo il testo ufficiale della sentenza (peraltro ancora impugnabile appellandosi ad ulteriori gradi della giustizia sportiva ) :

Esaminato il reclamo fatto pervenire a seguito di tempestivo preannuncio dalla SSDARL SAVONA FBC con il quale si deduce l’alterazione della regolarità dello svolgimento della gara in epigrafe, in ragione del presunto errore tecnico dell’arbitro, per avere il medesimo concesso un calcio di rigore per un fallo di mano commesso abbondantemente fuori area; – esaminato il rapporto di gara e rilevato come non sia possibile rilevare alcun argomento a sostegno della tesi della società reclamante; – considerato che rispetto alla fattispecie denunciata le allegazioni istruttorie prodotte sono chiaramente inammissibili; – rilevato, inoltre, la pretestuosità della tesi in diritto, che tenta di imputare all’arbi tro presunte violazioni regolamentari a fronte di una valutazione discrezionale riferibile ad un episodio di gioco; Per questo motivo Delibera:
1) di respingere il reclamo; 2) di convalidare il risultato della gara conclusasi con il seguente punteggio: SSDARL SAVONA FBC – ASD ALBISSOLA 2010 0 – 1; 3) di addebitare sul conto della SSDARL SAVONA FBC la tassa di reclamo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: