Attualità

“Rinverdire Borghetto, progetto Quattro Stagioni”

“Ringrazio tutti i presenti, in particolare l’assessore regionale all’agricoltura Stefano Mai, e voglio dire che questo progetto mi piace e fare qui un parco avente come tema le quattro stagioni è un’ottima idea”, ha dichiarato il sindaco di Borghetto Santo Spirito Giancarlo Canepa durante un convegno dedicato ad un nuovo giardino per la città, “e questo è un progetto semplice e geniale e spero che possa realizzarsi”.

Stessa soddisfazione da parte di Gian Luigi Taboga, presidente consiglio nazionale Assoutenti, “La natura ci dà molto e creiamo negli anni opere importanti anche perchè l’ambiente riguarda tutta la nostra Terra così come il suolo, le piante, gli animali, l’uomo e le sue attività. 75 anni fa Borghetto era molto diversa da oggi perchè era un paese molto più agricolo con le persone legate maggiormente alla terra e tutto cosa si faceva era per abitudini tramandate di generazione in generazione mentre ora si tratta di un comune turistico nel quale il sindaco ha dato il via per evitare il più possibile il degrado. L’ultimo anello della catena è il più importante e dobbiamo riscoprire la bellezza per avere anche uno sviluppo equo che possiamo trasmettere al turismo perchè tutti i nostri turisti vengono qui per trovare una realtà diversa dalle loro città d’origine. Qui vi è un target particolare e una zona dedicata alle quattro stagioni è un’ottima idea anche per rendere attrattivo il nostro paese per 12 mesi all’anno nel quale potrebbe esserci la fioritura della primavera, le piante tipo cactus in estate, gli aceri d’autunno ed il bosco di Natale in inverno. Sono convinto che dobbiamo fare subito qualcosa anche se non vedremo noi i frutti ma li vedranno le prossime generazioni”.

“L’Euroflora di quest’anno ha riscosso molta importanza e voglio ringraziare in questo senso l’assessore regionale Mai, il comune di Genova e Confagricoltura per l’ottimo lavoro svolto”, sottolinea Davide Michelini, vicepresidente di Confagricoltura Savona, “ed ho deciso di partecipare a questa avventura che ha prodotto ottimi risultati. Se un evento del genere economicamente funziona si centra l’obiettivo e voglio ricordare che la mia famiglia si occupa di agricoltura dal ben 5 generazioni anche perchè il clima e l’acqua sono meravigliosi anche se quest’ultima è un pò calcarea. Il vento è salubrità perchè porta via le muffe ed il nostro patrimonio storico e botanico è molto importante anche per la presenza di pesche famose in tutta Italia come la pesca Michelini. Avere qui un museo della pesca sarebbe molto bello e voglio ricordare che questa zona certe volte è ostile ma le coltivazioni possono produrre reddito con una filiera corta o controllata. Il progetto “Mare di Agrumi” che vede il comune di Savona capofila è per noi molto importante e ci permette di ampliare i nostri orizzonti anche all’estero come, ad esempio, in Corsica. Nel 1978 a Borghetto è stato redatto il primo piano regolatore grazie ai sindaci Reale e Bovio e l’agricoltura ha visto alcuni limiti ma ci siamo resi conto che occorreva un’evoluzione. L’agricoltura è parte dell’ambiente e vi sono alcune specie di uccelli che nidificano solo in queste zone e sono anche convinto che proteggere non vuol dire abbandonare ma occorre coniugare agricoltura e turismo. La sinergia con le associazioni di categoria mi piace molto ed occorre creare sempredi più mercati a tema anche per capire dove si producono i diversi prodotti. La regione e i sindaci del territorio sono attenti alla qualità dei prodotti e bisogna incentivare sempre di più un turismo rispettoso dell’ambiente”.

“L’uomo nasce come cacciatore e diventa allevatore, prima raccoglie e poi coltiva”, riprende l’assessore regionale all’agricoltura Stefano Mai, “e questo progetto che la regione dovrebbe approvare mi piace molto. Il sindaco Canepa dev’essere aiutato a prendere contatti che possono fare realizzare questo progetto e vi è anche la disponibilità dei fondi regionali per l’agricoltura. La biodiversità è molto importante anche se porta alcuni problemi come il punteruolo rossoche sta devstando le palme delle nostre città e la vespa vellutina che in 3 giorni uccide un alveare. I fiori sono molto importanti perchè rendono le località più belle e la regione vuole valorizzare la promozione dell’oliva taggiasca e del pesto così come le piante aromatiche alla recente festa a Diano Marina. Dietro ai nostri prodotti c’è un eccellenza e bisogna valorizzarli e voglio ringraziare l’amministrazione di Borghetto Santo Spirito per l’organizzazione di questo fantastico evento”.

“Il concorso che ha visto la realizzazione di composizioni floreali che sono state vendute ed il cui ricavato è andato allo sportello antiviolenza ha designato i primi tre classificati in quest’ordine : terzo classificato Zonta Alassio, secondo classificato Zonta Finale Ligure e primo classificato Federico Silvestri wedding planner”, conclude Cristina Bolla.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: