Attualità

Albenga: polemica fra il Sindaco Cangiano e l’Assessore Viale sui Centri Salute

L’Assessore Regionale alla sanità Sonia Viale non parteciperà ad una riunione del consiglio comunale di Albenga per discutere di Centri Salute: Alassio,Albenga e Finale sono i comuni coinvolti poichè, ad aprile, è scaduto il protocollo d’intesa fra l’Asl n.2 e tali fondamentali presidi medici. L’Assessore motiva la sua decisione sottolineando che la Regione non può tenere un tavolo di concertazione con una società privata – il riferimento è rivolto ad “Albenga Salute” –  in un consiglio comunale e che, in ogni caso, si sarebbero tenuti in merito vari incontri tra Direzione Aziendale, comune e società privata, durante i quali sono state chiarite le posizioni amministrative e legali aziendali; l’Assessore alla Sanità avrebbe affermnato che pur ritenendo positiva questa esperienza, non ci si sarebbe mossi nell’ ambito della legittimità.

Così si esprime, di conseguenza, il sindaco Giorgio Cangiano: “Questa risposta ci lascia sgomenti e senza parole per diverse motivazioni. Noi avevamo indicato il 7 giugno come possibile data per un consiglio comunale al quale chiedevamo la partecipazione del direttore Asl 2, Porfido e dell’Assessore. Il nostro spirito era assolutamente positivo e propositivo. Non volevamo che l’Assessore Viale venisse e cambiasse idee e determinazioni circa il futuro dei Centri Salute. Volevamo esclusivamente che ci fossero spiegate le determinazione in questo campo, fossero esse di continuare con i centri salute o di fare un bando e mettere a gara questo servizio. Trovo che sia una assoluta mancanza di rispetto nei confronti dell’amministrazione (sia maggioranza che minoranza infatti il punto è stato votato all’unanimità durante lo scorso consiglio comunale), nei confronti dei cittadini e dell’intero territorio. Non convocherò il consiglio comunale del 7 giugno, naturalmente, e spero che possa essere trovata una soluzione, ma questa lettera dimostra una chiusura totale su questo tema e sulla possibilità di un dialogo costruttivo e credo che questo sia gravissimo. Stiamo parlando di un consorzio che svolge un importante ruolo sociale e per la sanità, quello che chiedevamo all’Assessore Viale era che venisse a spiegarci cosa si intendeva fare, una possibilità era realizzare un bando e nel frattempo trovare una soluzione per garantire comunque il servizio. Ora vedremo cosa si potrà fare”.

La vicepresidente della Regione Liguria e assessore alla Sanità, Sonia Viale, ha così risposto, a sua volta, al sindaco di Albenga, riguardo al futuro dei Centri Salute.“Chi oggi, per motivi politici o elettorali, vuole strumentalizzare l’argomento Centri Salute, si accomodi pure: questo modo di fare ha già comportato l’estinzione del Pd in Regione, a Savona, alla Spezia, a Genova e così accadrà anche ad Albenga”.

“L’esperienza di Centri Salute proseguirà – afferma la vicepresidente Viale – questo è l’impegno di Regione Liguria, ribadito più volte in Consiglio regionale e portato avanti da Asl2. Il direttore generale ha incontrato sindaci e società ormai da diversi mesi e sta accompagnando il percorso, nel rispetto delle regole e delle norme vigenti. Questa è l’unica condizione: il rispetto delle norme. Questa Giunta, a differenza di quanto accadeva in passato con le amministrazioni di centrosinistra, mantiene gli impegni assunti. E l’esperienza del reparto di ortopedia di Albenga lo conferma: non solo avevamo ragione ma il reparto è stato riaperto e i lavoratori sono stati nuovamente assunti. Anche questa volta gli impegni presi verranno mantenuti”.

“La richiesta di convocazione per il Consiglio comunale del 7 giugno – conclude l’Assessore Viale – prevede una motivazione che io ritengo illegittima, perché in un Consiglio comunale non può essere condotta una trattativa tra un soggetto privato e la Regione. E questo, il sindaco Cangiano, che è anche avvocato, dovrebbe ben saperlo”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: